Anoressia: cosa dire a una ragazza che smette di mangiare

L'anoressia colpisce un'adolescente su 10, le cause e i sintomi: perché è pericolosa e cosa dire a chi soffre di «ana»

Più Popolare

L'ultima in ordine di arrivo è Alesya, 17 anni, figlia dell'ex tennista russo Evgenji Kafelnikov: «Aiutatemi, temo sia anoressica» è l'urlo disperato di suo padre. «I suoi 213.000 follower su Instagram, tra cui molte quattordicenni, sono idioti senza cervello, perché la incoraggiano a perdere ancora più peso», denuncia, e basta surfare rapidamente attraverso le foto del profilo di Alesya, modella per Elite, per capire che non ha torto: se alcuni commenti sono affettuose critiche, tipo «Datele un hamburger» o «Sei bella, però mangiati una pizza», altri, la maggioranza, la incitano a dimagrire ancora.

Advertisement - Continue Reading Below

Cosa dire alle ragazze che soffrono di questo problema? Sono tantissime, circa il 5 per cento delle giovani e giovanissime. Secondo i dati dell'Aba, Associazione bulimia e anoressia, l'esordio è attorno ai 14 anni, ma alcune bambine manifestano i primi sintomi a 9. L'età media si abbassa anche grazie al Web, che ha coniato pure un hashtag, #thinspirational, per tutto ciò che ispira alla perdita di peso. «Conoscevamo già i blog dedicati; ora impazzano i profili Instagram, i forum in cui le ragazze cercano ana-buddies, compagne di strada per darsi manforte, e le chat su WhatsApp in cui incoraggiarsi o bacchettarsi a vicenda», dice Alberto Pellai, psicoterapeuta, che inGirl r-evolution (DeAgostini) si rivolge direttamente alle ragazze. «Il Web del resto è il santuario dei corpi photoshoppati», e i social sono «casse di risonanza che normalizzano la magrezza patologica».

Più Popolare

Ma la Rete è anche un luogo dove trovare informazioni adeguate e utili. C'è chi con i forum e Instagram addirittura guarisce, come la 23enne inglese Hayley Harris, che ha riacquistato 20 dei 40 kg persi grazie al tifo dei supporter. «Il problema è che in tutti questi casi la conferma di quel che sei, bella o brutta, magra o grassa, dipende dal giudizio altrui», conclude Pellai. «Il vero obiettivo per una ragazza? Trovare in se stessa l'equilibrio tra mente e corpo, tra dentro e fuori. Imparare a usare i propri occhi, e a fare a meno dello sguardo altrui».

I consigli di Alberto Pellai sulle cose giuste da dire a una ragazza anoressica, per aiutarla: 

1. Per prima cosa, calcola il tuo indice di massa corporea

A differenza di quel che vedi (o ti sembra di vedere) nello specchio, l'IMC è un dato oggettivo. Puoi calcolarlo molto facilmente qui. Ora che sai qual è il tuo IMC, forse scoprirai che molte preoccupazioni sul peso che ti hanno afflitta nelle ultime settimane, mesi o anni sono infondate.

2. L'equazione magra=bella è stata creata solo negli ultimi decenni

L'IMC delle aspiranti miss nei concorsi di bellezza è sceso progressivamente. Nel 1930 era di 20,8; nel 2010 18,8, al limite del sottopeso. Ma chi ha inventato l'epidemia della magrezza patologica? Il mercato, e le multinazionali di cibi e prodotti dietetici. Pensaci! Nelle pubblicità vediamo ragazze magrissime che mangiano cibi o bevande ipercalorici, e poi, nello spot successivo, un prodotto dimagrante per smaltire i chili in eccesso. 

3. Guarda sempre con occhio critico i corpi magrissimi e perfetti che vedi in tv e sui giornali

I media presentano, nel 95% dei casi, corpi che solo il 5% delle donne riesce ad avere nella vita reale. Evita di scegliere quel modello per capire quanto piaci a te stessa e agli altri.  

4. Rifletti su quanto è diverso l'ideale di bellezza maschile

Pensaci: i maschi, a differenza delle femmine, vengono stimolati a sviluppare un corpo possente e muscoloso. La loro bellezza è declinata nella direzione della potenza e della forza. E in effetti, tra chi soffre di anoressia, meno di 1 su 10 è di sesso maschile.

5. Magrezza fa rima con bellezza, ma soprattutto con debolezza

Dimagrire fino ad arrivare a un IMC sottopeso vuol dire, a volte, non accumulare energia sufficiente per far fronte a tutti gli impegni della giornata, sentirsi affaticate e deboli, metterci il doppio del tempo per conquistare un obbiettivo. Forse, il falso mito di bellezza=magrezza nasconde in parte anche il desiderio che il genere femminile resti debole, per impedire alle ragazze di esprimere in libertà e salute tutto il proprio potenziale. Sei una ragazza intelligente: riflettici.

Per approfondire (e per chiedere aiuto): 

Anoressia nervosa

Disturbi alimentari

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Perché imparare a dire, anche, di no ai propri figli è così importante
Coccolare e viziare senza ritegno i vostri bambini potrebbe, dicono gli esperti, causare dei danni sul lungo termine, perché, spiegano, la...
Emozioni
CONDIVIDI
Perché la gravidanza è il momento per riscoprire (e amare) il proprio corpo
Con il pancione cambia la percezione del corpo, però non è il caso di negare la femminilità, semmai di esaltarla e condividerla
Emozioni
CONDIVIDI
Pull a Pig: il (non nuovo) fenomeno brutale
Oggi lo chiamano pull a pig ma giochi brutali, sessisti e crudeli come questo esistono da troppo tempo
Emozioni
CONDIVIDI
Perché farsi degli amici in ufficio è fondamentale
Statene certe, stringere amicizie sul posto di lavoro potrebbe avere un impatto sul vostro livello di felicità molto più profondo di quanto...
Emozioni
CONDIVIDI
La Francia frena su Photoshop
Per arginare il senso di frustrazione causato da immagini troppo perfette, il governo francese ha stabilito che bisogno dire se una foto è...
Emozioni
CONDIVIDI
Perché la ricetta contro la competizione è riscoprirsi umani
La psicoterapeuta Olga Chiaia invita a rivalutare la propria autenticità: il voler essere qualcun altro è faticosissimo e porta alla...
Emozioni
CONDIVIDI
5 domande da non fare MAI a un'amica vegana
Certo, ognuno è libero di chiedere e ognuno è altrettanto libero di non rispondere, però se ci tenete a non innervosire la vostra amica...
Frasi di compleanno
Emozioni
CONDIVIDI
Le più belle frasi di compleanno per auguri memorabili
Per augurare buon compleanno con stile ecco alcune bellissime frasi da cui prendere ispirazione
Emozioni
CONDIVIDI
Perché stare da soli non è facile ma ci aiuta a stare bene
Può fare paura, ma in realtà la solitudine è anche la condizione talvolta ideale per fare emergere lati di noi stesse che pensavo sopiti
Emozioni
CONDIVIDI
Perché essere coerenti con sé stessi non è sempre un bene
Chiedere a sé stessi e agli altri di essere coerenti può essere una trappola che non consente libertà di scelta e adattabilità