Anoressia: cosa dire a una ragazza che smette di mangiare

L'anoressia colpisce un'adolescente su 10, le cause e i sintomi: perché è pericolosa e cosa dire a chi soffre di «ana»

Più Popolare

L'ultima in ordine di arrivo è Alesya, 17 anni, figlia dell'ex tennista russo Evgenji Kafelnikov: «Aiutatemi, temo sia anoressica» è l'urlo disperato di suo padre. «I suoi 213.000 follower su Instagram, tra cui molte quattordicenni, sono idioti senza cervello, perché la incoraggiano a perdere ancora più peso», denuncia, e basta surfare rapidamente attraverso le foto del profilo di Alesya, modella per Elite, per capire che non ha torto: se alcuni commenti sono affettuose critiche, tipo «Datele un hamburger» o «Sei bella, però mangiati una pizza», altri, la maggioranza, la incitano a dimagrire ancora.

Advertisement - Continue Reading Below

Cosa dire alle ragazze che soffrono di questo problema? Sono tantissime, circa il 5 per cento delle giovani e giovanissime. Secondo i dati dell'Aba, Associazione bulimia e anoressia, l'esordio è attorno ai 14 anni, ma alcune bambine manifestano i primi sintomi a 9. L'età media si abbassa anche grazie al Web, che ha coniato pure un hashtag, #thinspirational, per tutto ciò che ispira alla perdita di peso. «Conoscevamo già i blog dedicati; ora impazzano i profili Instagram, i forum in cui le ragazze cercano ana-buddies, compagne di strada per darsi manforte, e le chat su WhatsApp in cui incoraggiarsi o bacchettarsi a vicenda», dice Alberto Pellai, psicoterapeuta, che inGirl r-evolution (DeAgostini) si rivolge direttamente alle ragazze. «Il Web del resto è il santuario dei corpi photoshoppati», e i social sono «casse di risonanza che normalizzano la magrezza patologica».

Più Popolare

Ma la Rete è anche un luogo dove trovare informazioni adeguate e utili. C'è chi con i forum e Instagram addirittura guarisce, come la 23enne inglese Hayley Harris, che ha riacquistato 20 dei 40 kg persi grazie al tifo dei supporter. «Il problema è che in tutti questi casi la conferma di quel che sei, bella o brutta, magra o grassa, dipende dal giudizio altrui», conclude Pellai. «Il vero obiettivo per una ragazza? Trovare in se stessa l'equilibrio tra mente e corpo, tra dentro e fuori. Imparare a usare i propri occhi, e a fare a meno dello sguardo altrui».

I consigli di Alberto Pellai sulle cose giuste da dire a una ragazza anoressica, per aiutarla: 

1. Per prima cosa, calcola il tuo indice di massa corporea

A differenza di quel che vedi (o ti sembra di vedere) nello specchio, l'IMC è un dato oggettivo. Puoi calcolarlo molto facilmente qui. Ora che sai qual è il tuo IMC, forse scoprirai che molte preoccupazioni sul peso che ti hanno afflitta nelle ultime settimane, mesi o anni sono infondate.

2. L'equazione magra=bella è stata creata solo negli ultimi decenni

L'IMC delle aspiranti miss nei concorsi di bellezza è sceso progressivamente. Nel 1930 era di 20,8; nel 2010 18,8, al limite del sottopeso. Ma chi ha inventato l'epidemia della magrezza patologica? Il mercato, e le multinazionali di cibi e prodotti dietetici. Pensaci! Nelle pubblicità vediamo ragazze magrissime che mangiano cibi o bevande ipercalorici, e poi, nello spot successivo, un prodotto dimagrante per smaltire i chili in eccesso. 

3. Guarda sempre con occhio critico i corpi magrissimi e perfetti che vedi in tv e sui giornali

I media presentano, nel 95% dei casi, corpi che solo il 5% delle donne riesce ad avere nella vita reale. Evita di scegliere quel modello per capire quanto piaci a te stessa e agli altri.  

4. Rifletti su quanto è diverso l'ideale di bellezza maschile

Pensaci: i maschi, a differenza delle femmine, vengono stimolati a sviluppare un corpo possente e muscoloso. La loro bellezza è declinata nella direzione della potenza e della forza. E in effetti, tra chi soffre di anoressia, meno di 1 su 10 è di sesso maschile.

5. Magrezza fa rima con bellezza, ma soprattutto con debolezza

Dimagrire fino ad arrivare a un IMC sottopeso vuol dire, a volte, non accumulare energia sufficiente per far fronte a tutti gli impegni della giornata, sentirsi affaticate e deboli, metterci il doppio del tempo per conquistare un obbiettivo. Forse, il falso mito di bellezza=magrezza nasconde in parte anche il desiderio che il genere femminile resti debole, per impedire alle ragazze di esprimere in libertà e salute tutto il proprio potenziale. Sei una ragazza intelligente: riflettici.

Per approfondire (e per chiedere aiuto): 

Anoressia nervosa

Disturbi alimentari

More from Gioia!:
La depressione post parto colpisce anche gli uomini
Emozioni
CONDIVIDI
La depressione post partum colpisce (anche) lui
Anche i neo-padri possono soffrire i sintomi del baby blues perché impreparati ad assumere la loro nuova identità
Emozioni
CONDIVIDI
In difesa delle lacrime al lavoro
Piangere in ufficio è l'ultimo dei tabù, quasi uno stigma sociale, e invece potrebbe essere un modo positivo per sviscerare problemi e...
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Emozioni
CONDIVIDI
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Controcorrente rispetto al consumismo apparentemente dominante, una nuova corrente di pensiero spinge, invece, ad accumulare meno, in virtù...
Emozioni
CONDIVIDI
«La sua famiglia è contro il nostro amore»
«Lei è la donna della mia vita, ma i suoi ci hanno fatto litigare»: coraggio cavaliere, 
la forza devi mettercela tu!
Ecco 10 libri di psicologia da leggere durante l'estate
Emozioni
CONDIVIDI
10 libri da mettere in valigia per conoscersi meglio
Dalle virtù del riposo all'autostima erotica, dall'onore alle gioie (e i dolori) della maternità, ecco i testi di psicologia da portare in...
Emozioni
CONDIVIDI
La paura del giudizio altrui è come un mammut (che continua a ostacolarti la strada)
Secondo una teoria psicologica c'è un retaggio preistorico che ci fa cercare l'approvazione, ma si può domare!
Emozioni
CONDIVIDI
Resilienza: impara ad allenarla
Sheryl Sandberg, direttrice operativo di Facebook, ha raccontato in un libro la morte del marito e la sua volontà di affrontare il dolore e...
Emozioni
CONDIVIDI
«Mi sembrava affascinante, ma è un narcisista»
«Parla solo di sé, io o un'altra, uguale, pur di farsi ammirare»: è solo un equivoco fra narcisisti, lui ha rovesciato il gioco
Emozioni
CONDIVIDI
5 mosse per trasformare una giornata iniziata male
Per tornare di buon umore basta seguire la regola delle 5R!
Emozioni
CONDIVIDI
«Appena mi chiama io corro, ma lui è ambiguo»
Tu dici che lui è disonesto, mentre tu sei tenera e fedele, ma poi si scopre che hai anche un marito e stai parlando del tuo amante