Fine di un amore, 5 consigli pratici per superarla con successo

Come sopravvivere alla fine di una storia d'amore? Amalia Andrade, colombiana ha disegnato (e scritto) Come sopravvivere al mal d'amore, manuale semi serio con consigli pratici che ha testato su di sé

Più Popolare

La fine di un amore capita a tutti nella vita, il problema è come superarlaAmalia Andrade è una illustratrice colombiana di 30 anni. Vive a Bogotà. Ha realizzato Come sopravvivere al mal d'amore, una graphic novel esilarante in aiuto ai cuori infranti, a tutti quelli che sono stati lasciati, da un fidanzato, da un mascalzone, o da un cane;  a quelli che hanno lasciato qualcuno e agli irriducibili che sono nati con il pallino della tragedia amorosa. Ma la cosa interessante è che tutti i consigli, suggerimenti, pensieri, desideri Amanda li ha sperimentati su di sé. Quindi è un manuale autocertificato. 

Amalia Andrade, illustratrice, 30 anni.
Advertisement - Continue Reading Below

Il libro è interattivo, come tutti i quaderni di esercizi che si rispettino: quindi si fanno liste, si elenca cosa si è sbagliato, c'è lo spazio pure per le invettive da scrivere di proprio pugno. E diversi  i rimedi consigliati per superare una una delusione: una playlist da ascoltare per tirarsi su (musicoterapia), i film da vedere (massima consolazione), i libri da leggere (biblioterapia), persino le ricette della nonna da riscoprire (la minestra di pollo esiste a tutte le latitudini). Alla fine nei ringraziamenti c'è l'ennesima lista costo/benefici: Chi mi ha aiutato/Chi mi ha spezzato il cuore. Fatela anche voi, vi sentirete subito meglio (e anche gli altri). E, soprattutto, basta piangersi addosso. 

Più Popolare

Noi abbiamo scelto un percorso in 5 punti per sopravvivere alla fine di un amore, voi fate il vostro.

1. Fine di un amore: preparate il kit per disintossicarvi

Libri, canzoni, anche il gatto, si trovano facilmente. Per l'autostima dovete lavorarci su, è la prima cosa da fare. Poi potete anche andare al cinema (niente romantic comedy per almeno un paio di mesi per favore).

2. Fine di un amore: esercitatevi prima di mandare sms

Advertisement - Continue Reading Below

Tanto alla tentazione di mandare un sms non resistete, soprattutto nei primi momenti. Attenzione fatevi furbe: se vi prudono le mani e non vedete l'ora di insultarlo leggetevi bene questo piccolo dizionario di espressioni passivo-aggressive. In pratica sono insulti in guanto di velluto. Lo spiazzerete e vi dirà tutto quello che vorrete sentire. Tranne la verità, ovvio. 

3. Fine di un amore: c'è chi sta peggio di voi

Advertisement - Continue Reading Below

Beh non ci vuole Camcaminì a ricordarvelo, né il film di Mary Poppins. Primo non siete le uniche ad avere un problema, a stare male, a essere deluse. uscite dal vostro orticello e pensate anche agli altri. Secondo, se proprio non ci credete neanche un po' (a quanto sopra), cercate almeno la gioia nelle piccole cose. Tanto gli spazzacamini chi li vede più!

4. Fine di un amore: come capire quando siete guarite

Più Popolare

Quando improvvisamente non avete più voglia di piangere ma di:

Cantare I will survive di Gloria Gaynor

Scrivere su foglio tutti i pensieri tristi e cattivi e bruciarli (per chi ha un giardino, evitate i lavandini).

Disegnare quella vocina che è in voi e vi dice sempre cose che non vorreste sentire (Si chiama anche Falso Io... ), così l'annienterete e meno l'ascoltate, meglio starete.

Fare le cose più turpi: mangiare un hamburger, vedere una serie tv tutta di fila. Insomma quando vi sarà tornata la voglia di gratificavi.

Leggere Nicole Krauss, Joan Didion, Clarice Lispector, Paulo Coelho. Sono vaccini omeopatici. 

5. Fine di un amore: non ce la fate proprio a riprendervi

Allora tranquille, come succede con il corpo, certe volte bisogna imparare a convivere con il dolore fisico. Alla fine non si sente più. Se la tristezza non se ne va, non combattetela, lasciatela lì in un angolino. Finirete con il dimenticarla.

Come sopravvivere al mal d'amore, di Amalia Andrade, Fabbri Editori, pp. 196, € 16,90.
More from Gioia!:
Sguardo uomo
Emozioni
CONDIVIDI
Ricorda, c'è un ampio ventaglio di soluzioni tra essere invisibile e sentirsi minacciata da uno sguardo. Dal suo sguardo
Sentirsi addosso gli occhi di uno sconosciuto può dare fastidio o anche fare paura, ma in Scandinavia a volte si soffre di troppa freddezza
Emozioni
CONDIVIDI
Siamo sicuri di distinguere l'ansia produttiva da quella distruttiva? 5 errori emotivi che scatenano il panico
Nel mese di ottobre dedicato alla salute mentale, vi spieghiamo quali sono le parole della psicologia su cui facciamo più spesso confusione
Emozioni
CONDIVIDI
Amore a distanza ovvero: "se non mi risponde subito al telefono mi viene l'ansia. Chiamo l'analista?"
Le nuove tecnologie sono nemiche dell'amore, meglio che uno dei due cerchi attivamente un lavoro nella città dell'altro
Emozioni
CONDIVIDI
12 ragioni per cui sei single anche se sei una bomba atomica (ma perché?!?)
Essere bellissima, in gambissima e magari anche indipendente ti fa essere 1 molto esigente 2 poco avvicinabile
Emozioni
CONDIVIDI
"Scommessa" più sicura? Perché ci sono donne (e ci sono!) che preferiscono gli uomini già impegnati
Esiste un motivo quasi scientifico per cui gli uomini già sposati o con relazioni sono più desiderabili dei single
Emozioni
CONDIVIDI
Perché piango sempre? La risposta definitiva a una keyword epica
Triste? Un po'. Curioso? Molto.
Emozioni
CONDIVIDI
"Il metodo danese fa crescere i bambini felici e rende i genitori persone serene. È una filosofia che dovreste praticare tutti"
Un libro, molte candele e tanta consapevolezza
Emozioni
CONDIVIDI
Panico totale da colloquio in inglese? 4 consigli per affrontarlo con sicurezza e senza ansia
Prima di tutto, niente panico; poi, se volete affrontare nel migliore dei modi un colloquio in inglese, leggete i nostri consigli e...
Emozioni
CONDIVIDI
Comportamento da Hikikomori e Neet: cosa vuol dire e da cosa dipende
L'Ordine degli Psicologi della Lombardia fail punto su una questione molto delicata
Emozioni
CONDIVIDI
"13" Punti di riflessione sul Cyber-Bullismo
Perché premere "PLAY" quando tuo figlio preme "REC"