Lavoro: le 5 frasi da non dire mai al proprio capo

Non sempre la sincerità è la strategia migliore: al lavoro, per esempio, è meglio evitare gli azzardi e stare molto attenti a quel che si dice davanti ai capi, perché le parole sono importanti più di quanto immagini

frasi-da-non-dire-mai-al-tuo-capo

La sincerità è importante, ma ci sono situazioni in cui essere del tutto onesti non paga, anzi, ci danneggia. Quali? Per esempio al lavoro, dove dire esattamente quel che si pensa, soprattutto ai propri superiori, può essere davvero controproducente. Grazie ad Hays Response, società di ricerca e selezione personale specializzata nei profili junior, ecco le 5 espressioni davvero azzardate che sarebbe meglio evitare di dire ai propri capi, ma anche ai colleghi.

Il perché è presto detto: «Se l'emotività prenda il sopravvento ci si lascia andare a confidenze azzardate sul posto di lavoro», spiega Fabio Scarcella, Hays Response Manager, «e purtroppo quel che si dice è fondamentale nel creare la propria immagine agli occhi degli altri. Dunque, prestate la massima attenzione, soprattutto quando parlate con il vostro capo, perché quello che dite può pregiudicare le vostre possibilità di crescita lavorativa».

Ecco la top 5 delle frasi da non dire mai e poi mai in ufficio.

Advertisement - Continue Reading Below

1 ODIO QUESTO LAVORO

È la frase da evitare in assoluto, da non pronunciare mai e poi mai non solo davanti al proprio capo ma anche di fronte ai colleghi. Sbandierare ai quattro venti quanto detestiate il lavoro che state facendo vi farà passare per persone negative e inadatte a fare squadra, senza contare che un capo potrebbe investire su una risorsa più entusiasta di voi!

Advertisement - Continue Reading Below

2 È UN INCOMPETENTE

Denigrare un collega non vi porterà mai niente di buono. Se la critica è giusta, di certo tutti già conoscono la situazione, e rimarcarlo non servirà a nulla se non a mettere voi in cattiva luce. In tutti gli ambiti di lavoro ci sono colleghi scortesi oppure incompetenti: potete aiutarli a migliorare, ma evitate di sottolineare le loro mancanze. Perché se lo fate, il vostro capo potrebbe persino pensare che il vostro è un goffo tentativo di apparire migliori di lui.

Advertisement - Continue Reading Below

3 MI SPIACE, MA NON POSSO FARLO

Se il capo vi chiede di fare qualcosa, impegnatevi a farla e non dite mai che non potete portarla a termine! Questa è la tipica frase che denota pigrizia e insicurezza, nonché scarsa propensione ad accettare nuove sfide. Invece di rifiutare, potete proporre un'alternativa oppure chiedere aiuto a un collega. Ricordate sempre che flessibilità e capacità di risolvere i problemi sono tra le caratteristiche più apprezzate dai capi.

Advertisement - Continue Reading Below

4 FORSE È UN'IDEA STUPIDA

Dire una frase del genere mina la vostra credibilità agli occhi sia del capo sia dei colleghi. Magari la vostra è un'idea geniale, ma partite con il piede sbagliato, perché suggerite che non avete stima in voi stessi e nelle vostre capacità, dunque chi vi ascolta sarà portato a non averne per voi. Siamo noi che "dipingiamo" la nostra immagine agli occhi degli altri. Quindi, evitate di diventare il vostro peggior nemico: se non siete sicuri voi per primi di quello che state per dire, non lo saranno nemmeno gli altri.

Advertisement - Continue Reading Below

5 NON È COLPA MIA

Non è mai una buona idea scaricarsi di ogni responsabilità, siate invece responsabili. Se avete avuto un ruolo in qualcosa che è andato storto, assumetevi la vostra parte di colpa. Se invece non c'entrate nulla date a capo e colleghi una spiegazione di quel che è accaduto. Attenetevi ai fatti, e lasciate che siano gli altri a trarre le proprie conclusioni su chi è il responsabile.

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Riconoscere un manipolatore è un esercizio di autodifesa. Come farcela? Un manuale ci aiuta
Essere manipolati psicologicamente da qualcuno capita a tante, ma perché succede? Un libro appena uscito cerca di spiegarlo
Emozioni
CONDIVIDI
È una certezza: alle donne gli uomini già impegnati piacciono di più. E il perché lo spiegano gli scienziati
La scienza ha finalmente spiegato perché gli uomini impegnati risultano più attraenti
Emozioni
CONDIVIDI
"Cara Barbara, mia sorella è invidiosa di me e parla male di mio marito. Perché vuole rovinarmi la vita?"
Lei vuole dividervi, distruggere la vostra intesa? Attenzione perché è capace di invidiarti anche le disgrazie. Sbattila fuori subito
Emozioni
CONDIVIDI
L'amore platonico o l'amore spirituale esiste ed è una cosa serissima (e il suo significato ne è la prova)
Un legame spirituale e senza desiderio carnale visto come elevazione dello spirito in una dimensione filosofica. Proviamo a capire meglio...
Emozioni
CONDIVIDI
10 compromessi che non dovresti mai e poi mai accettare in una relazione per non perderti
Scendere a patti fa parte dell'amore ma non dimenticarti chi sei, mai
Emozioni
CONDIVIDI
"Ho distrutto la vita a mio marito, ma non potevo fare diversamente. Sarei diventata una madre orrenda"
"Con la scusa di un altro me ne sono andata di casa": sei stata coraggiosa a mettere fine a una situazione non tragica eppure mortale
Emozioni
CONDIVIDI
E se sfogare la rabbia fosse controproducente? Meglio accettarla e trasformarla in energia positiva. Così
Non reprimere la collera ci isola dagli altri e si ritorce contro di noi: un monaco buddhista ci insegna a trasformare in energia positiva
Sguardo uomo
Emozioni
CONDIVIDI
Ricorda, c'è un ampio ventaglio di soluzioni tra essere invisibile e sentirsi minacciata da uno sguardo. Dal suo sguardo
Sentirsi addosso gli occhi di uno sconosciuto può dare fastidio o anche fare paura, ma in Scandinavia a volte si soffre di troppa freddezza
Emozioni
CONDIVIDI
Siamo sicuri di distinguere l'ansia produttiva da quella distruttiva? 5 errori emotivi che scatenano il panico
Nel mese di ottobre dedicato alla salute mentale, vi spieghiamo quali sono le parole della psicologia su cui facciamo più spesso confusione
Emozioni
CONDIVIDI
Quando l'amore di lui non è amore ma ossessione, un culto insensato pieno di rancore
Un uomo che ha per una donna un culto pieno di rancore, che potrebbe diventare violenza: per questo tanti uomini uccidono le ex