Più Popolare

Tutti proviamo qualche forma di vergogna. Quel senso di inadeguatezza e tremendo imbarazzo che fa desiderare di fuggire via, di sprofondare e sparire. Si può provare vergogna perché non si è superata una prova importante, perché si è grassi, per aver perso il lavoro o per la propria famiglia di origine. Ci si vergogna a mostrarsi nudi o ad ammettere le proprie debolezze. Ci vergogniamo quando siamo ciò che non vorremmo mai essere. Quando, per una condizione o per un avvenimento specifico, sentiamo che la nostra immagine è stata compromessa, la vergogna ci assale con un un severo giudizio negativo che coinvolge e colpisce tutta la nostra persona, non solo quella singola azione. E' dunque un'emozione negativa che provoca molta sofferenza e ha conseguenze pesanti sulla psiche: chi si vergogna tende a isolarsi, a ripiegarsi su se stesso, evita le relazioni. Poi si innescano altre emozioni negative: risentimento, rancore, sospetto, ansia, rabbia verso se stessi e gli altri. L'autostima viene minata in un circolo vizioso: abbiamo fatto una gaffe, quindi ci sentiamo inadeguati e goffi perché pensiamo che tutti ci vedano inadeguati e goffi. 

Advertisement - Continue Reading Below

Sono spirali negative da interrompere sul nascere perché nel tempo possono portare a forme di isolamento e depressione. 

La vergogna si può, anzi, si deve vincere, partendo da una prima considerazione. Come tutte le  emozioni, anche quelle negative sono essenziali al nostro sviluppo emotivo. Fanno male, certo, ma ci fanno riflette su chi siamo, come possiamo migliorare, sulla possibilità di accettarsi. Che persone saremmo se non provassimo vergogna? 

Più Popolare

Accettarla e riconoscerla per stanarla 

Come tutte le ferite emotive, la vergogna va riconosciuta in quanto tale, non va repressa. Il malessere che ne deriva va analizzato, capito, riconosciuto, accettato. Primo presupposto per superarla. Qui è in gioco la nostra identità, l'immagine personale, la reputazione, l'autostima. Non possiamo permettere che un singolo episodio, un fallimento, una svista, seppur grave, oppure eventi legati al nostro passato, si ripercuotano sul nostro essere, sul presente e sul futuro.

Mettere un argine tra l'immagine di sé e una situazione specifica

Aver mancato un certo obiettivo o non aver avuto il comportamento adeguato in una certa situazione vanno riconosciuti come singoli episodi di defaillance, vanno pensati e vissuti come fatti isolati. Il giudizio su queste situazioni non deve pesare interamente sulla nostra persona. Non sono stata capace di parlare in pubblico: in un caso come questo, devo sforzarmi di considerarlo un incidente, che non ha nulla a che vedere con la mia professionalità, la mia intelligenza, le mie possibilità di carriera, la possibilità di riprovarci. Esistono altri elementi buoni in me, il giorno dopo posso tornare in ufficio tranquilla, mentre se continuo pensare al giudizio negativo degli altri (in molti casi tutto da dimostrare) non riuscirò a migliorarmi e a imparare a parlare in pubblico.

Parlarne e condividerla aiuta a depotenziarla 

Tutte le emozioni andrebbero condivise, compresa la vergogna. Parlarne con qualcuno di cui si ha fiducia, con cui ci possiamo confidare, non sarà facile, ma servirà enormemente ad alleggerire il senso di disagio che ci provoca. Riuscire a parlarne servirà a sbrogliare la matassa di negatività che abbiamo dentro.

Rivedere la gerarchia dei propri valori

La vergogna ha molto a che fare con la gerarchia dei nostri valori e dei nostri interessi. Se siamo particolarmente sensibili allo stile e all'eleganza, finiremo per vergognarci di un seno troppo vistoso, della taglia in più o di non aver indossato l'abito giusto in una occasione. Per chi dà più valore all'intelligenza, allora a pesare come un macigno sarà un esame andato male o il giudizio non benevolo da parte di una persona che stimiamo. In entrambi i casi occorre imparare e relativizzare, a cambiare il nostro sguardo sulle cose, rivederne il significato: a nessuno piacciono le cadute di stile, ma siamo sicuri che sia un valore assoluto?

Non cadere nelle trappole del passato

C'è chi si vergogna della propria famiglia di origine, perché non abbastanza colta o raffinata, o per le colpe dei padri (o delle madri). In casi come questi, peraltro molto frequenti, è bene capire che il passato è qualcosa che ci appartiene ma non può essere una trappola. Il passato è alle nostre spalle, pur con tutto quello che ha significato e che ha dato (o non dato). Sta a noi capire ed elaborare tutti i messaggi negativi che ci sono stati trasmessi dalla famiglia, elaborarli e metterli su qualche scaffale un po' lontano dalla nostra vista. Serve molta comprensione, serve saper perdonare e compiacersi dei passi avanti di cui siamo stati capaci rispetto alla nostra famiglia. 

Non prendersi troppo sul serio

Provate con l'auto-ironia, medicina efficace in tante situazioni. Fatta una gaffe, ci si può ridere sopra, o no? E gli altri, immancabilmente, racconteranno le loro gaffes e si farà a gara a chi l'ha fatta o detta più grossa. Si può fare ironia su quelli che noi consideriamo i nostri difetti fisici oppure su una nostra figuraccia colossale. Una risata li seppellirà. 

More from Gioia!:
La depressione post parto colpisce anche gli uomini
Emozioni
CONDIVIDI
La depressione post partum colpisce (anche) lui
Anche i neo-padri possono soffrire i sintomi del baby blues perché impreparati ad assumere la loro nuova identità
Emozioni
CONDIVIDI
In difesa delle lacrime al lavoro
Piangere in ufficio è l'ultimo dei tabù, quasi uno stigma sociale, e invece potrebbe essere un modo positivo per sviscerare problemi e...
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Emozioni
CONDIVIDI
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Controcorrente rispetto al consumismo apparentemente dominante, una nuova corrente di pensiero spinge, invece, ad accumulare meno, in virtù...
Emozioni
CONDIVIDI
«La sua famiglia è contro il nostro amore»
«Lei è la donna della mia vita, ma i suoi ci hanno fatto litigare»: coraggio cavaliere, 
la forza devi mettercela tu!
Ecco 10 libri di psicologia da leggere durante l'estate
Emozioni
CONDIVIDI
10 libri da mettere in valigia per conoscersi meglio
Dalle virtù del riposo all'autostima erotica, dall'onore alle gioie (e i dolori) della maternità, ecco i testi di psicologia da portare in...
Emozioni
CONDIVIDI
La paura del giudizio altrui è come un mammut (che continua a ostacolarti la strada)
Secondo una teoria psicologica c'è un retaggio preistorico che ci fa cercare l'approvazione, ma si può domare!
Emozioni
CONDIVIDI
Resilienza: impara ad allenarla
Sheryl Sandberg, direttrice operativo di Facebook, ha raccontato in un libro la morte del marito e la sua volontà di affrontare il dolore e...
Emozioni
CONDIVIDI
«Mi sembrava affascinante, ma è un narcisista»
«Parla solo di sé, io o un'altra, uguale, pur di farsi ammirare»: è solo un equivoco fra narcisisti, lui ha rovesciato il gioco
Emozioni
CONDIVIDI
5 mosse per trasformare una giornata iniziata male
Per tornare di buon umore basta seguire la regola delle 5R!
Emozioni
CONDIVIDI
«Appena mi chiama io corro, ma lui è ambiguo»
Tu dici che lui è disonesto, mentre tu sei tenera e fedele, ma poi si scopre che hai anche un marito e stai parlando del tuo amante