10 consigli pratici per vivere al meglio il primo amore

Ma è proprio vero che il primo amore non si scorda mai? Di certo sapere alcune cose aiuta a non avere rimorsi o rimpianti

Più Popolare

Il primo amore non si scorda mai, dicono: a volte però succede perché è stata un'esperienza molto dolorosa. Qui di seguito ti offriamo qualche consiglio per «mettere al sicuro il cuore», sempre che ciò sia possibile: passare per il dolore e la sofferenza significa crescere, non ci si può riparare da tutto.

Tutti quanti almeno una volta abbiamo pensato: «Se l'avessi saputo a vent'anni, tutto sarebbe stato più facile». L'età che avanza fa paura, certo. Ma il bagaglio di esperienze e conoscenze acquisite durante il cammino dovrebbe aiutare a non ripetere gli errori del passato. Soprattutto in amore.

Advertisement - Continue Reading Below

Cosa succederebbe se a vent'anni si sapessero le cose che normalmente si conoscono a cinquanta?

Se ne potrebbe ricavare un decalogo di buoni consigli, per esempio. Ecco qui di seguito 10 consigli per vivere al meglio il primo amore (buone regole da tenere a mente che spesso funzionano anche per il secondo, il terzo e così via).

Più Popolare

1. Restare col primo amore

C'è chi pensa che chi si fidanza troppo presto, già a partire dall'adolescenza, rischia di perdere l'occasione di fare il giusto numero di esperienze. Non è vero: restare col primo amore, «accasarsi» in giovane età, permette di creare un rapporto più stabile. A patto che si abbia il tempo e lo spazio per crescere. Insomma, sposare il primo amore potrebbe davvero rivelarsi la scelta più giusta. Anche se ricordiamoci sempre che non esistono regole valide per tutti.

2. No ai signor Tentenna

Già da giovanissime bisogna capire che se un uomo è troppo incerto, se non riesce a decidere se rimanere dentro o fuori dalla relazione, è meglio lasciarlo perdere. La vita è troppo breve: una persona così non avrà mai voglia di impegnarsi sul serio.

3. Se un uomo è davvero interessato trova il modo di dimostrarlo

E lo fa fin dai primissimi momenti.

4. Cattivi ragazzi? No, grazie

Saranno anche bellissimi e «maledetti», ma i ragazzi carini e dannati di solito non sono la scelta giusta. Specialmente se pensano che il loro aspetto fisico li autorizzi a qualunque comportamento. Vanno bene per divertirsi un po', ma non è il caso di investire su di loro.

5. Chi l'ha detto che i ragazzi gentili sono noiosi?

Non è vero che il dramma rende l'amore più intenso e interessante. I continui alti e bassi non sono un sintomo di passione, ma di una seria incompatibilità caratteriale.

6. Non pensare troppo

Qualche volta è il caso di smettere di analizzare tutto e cominciare a divertirsi. Rilassarsi non solo fa vivere meglio, ma offre al rapporto una possibilità di riuscita.

7. Bando alla gelosia

Se diventi morbosa e ossessiva non impedisci al partner di cercare altre occasioni, rendi solo impossibile la convivenza. Meglio provare a fidarsi, almeno finché non si sia certi del tradimento. A quel punto ognuno per la sua strada.

8. Ostenta sicurezza

Anche se dentro non lo sei, anzi, soprattutto se dentro sei incerta. Dimostrarsi troppo insicuri, chiedere sempre cosa l'altro pensi di noi, rischia di diventare noioso. Chiunque ha bisogno di sicurezza, ma un'insicurezza morbosa allontana il prossimo.

9. Trecentosessantacinque. Ovvero, la regola dell'anno

Magari sei convintissima che il tuo primo amore sia davvero il principe azzurro, ma in ogni caso lascia passare almeno un anno. Dopo 12 mesi i veri problemi vengono fuori, poco ma sicuro.

10. Punta in alto

Non accontentarti mai di una relazione facile per la paura di rimanere da sola. La chiave della felicità sta nel tentativo di ottenere davvero ciò che si desidera.

More from Gioia!:
La depressione post parto colpisce anche gli uomini
Emozioni
CONDIVIDI
La depressione post partum colpisce (anche) lui
Anche i neo-padri possono soffrire i sintomi del baby blues perché impreparati ad assumere la loro nuova identità
Emozioni
CONDIVIDI
In difesa delle lacrime al lavoro
Piangere in ufficio è l'ultimo dei tabù, quasi uno stigma sociale, e invece potrebbe essere un modo positivo per sviscerare problemi e...
Come combattere stress e fatica con la Mindfulness: 4 esercizi da fare in pausa pranzo
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: pausa pranzo antistress
Quando le vacanze sono ancora lontane bastano 15 minuti per ritrovare forza e serenità
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Emozioni
CONDIVIDI
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Controcorrente rispetto al consumismo apparentemente dominante, una nuova corrente di pensiero spinge, invece, ad accumulare meno, in virtù...
Ecco 10 libri di psicologia da leggere durante l'estate
Emozioni
CONDIVIDI
10 libri da mettere in valigia per conoscersi meglio
Dalle virtù del riposo all'autostima erotica, dall'onore alle gioie (e i dolori) della maternità, ecco i testi di psicologia da portare in...
Emozioni
CONDIVIDI
La paura del giudizio altrui è come un mammut (che continua a ostacolarti la strada)
Secondo una teoria psicologica c'è un retaggio preistorico che ci fa cercare l'approvazione, ma si può domare!
Emozioni
CONDIVIDI
Resilienza: impara ad allenarla
Sheryl Sandberg, direttrice operativo di Facebook, ha raccontato in un libro la morte del marito e la sua volontà di affrontare il dolore e...
Emozioni
CONDIVIDI
«Mi sembrava affascinante, ma è un narcisista»
«Parla solo di sé, io o un'altra, uguale, pur di farsi ammirare»: è solo un equivoco fra narcisisti, lui ha rovesciato il gioco
Emozioni
CONDIVIDI
5 mosse per trasformare una giornata iniziata male
Per tornare di buon umore basta seguire la regola delle 5R!
Emozioni
CONDIVIDI
«Appena mi chiama io corro, ma lui è ambiguo»
Tu dici che lui è disonesto, mentre tu sei tenera e fedele, ma poi si scopre che hai anche un marito e stai parlando del tuo amante