Come vivere meglio? Sorpresa, gli ostacoli aiutano più del pensiero positivo

Nel libro Io non penso positivo viene spiegato perché immaginarsi un futuro radioso non è una strategia utile a realizzare i propri desideri, serve molto di più riconoscere e affrontare gli ostacoli

Più Popolare

Il pensiero positivo non è poi così positivo. Fantasticare sul proprio futuro ci dà un'immediata sensazione di benessere, ci calma, ma non ci aiuta a realizzare le nostre aspirazioni. Lo scrive una grande esperta di psicologia motivazionale, la tedesca Gabriele Oettingen, nel suo nuovo libro intitolato Io non penso positivo. Come realizzare i tuoi desideri (edizioni Tlon, 14,90€, 2017). Dove sta allora il segreto della motivazione? Nel fare i conti con la realtà e rendersi conto che concentrarsi sugli ostacoli può accelerare il raggiungimento dei nostri scopi e sogni.

Advertisement - Continue Reading Below

Le fantasie hanno l'effetto di rilassare, mentre quello che ci serve per raggiungere uno scopo è la giusta motivazione. Non basta sognare di essere nei panni di Gigi Hadid per dimagrire e fare più movimento. Serve ben altro. Quello che il libro della Oettingen propone è una critica all'ottimismo fideistico e una tecnica per radicare le fantasie nella realtà, che tutte possiamo imparare. Ecco alcuni spunti.

Più Popolare

Il pensiero positivo inganna la mente

Ci hanno detto per anni che bastava pensare positivo, immaginarsi un futuro radioso per avere più chance di raggiungere i nostri scopi. Però, c'è qualcosa che non funziona in questa teoria, secondo l'autrice. I suoi studi di psicologia suggeriscono che le persone che sognano il proprio successo finiscono per bloccarsi. Sognare di uscire con il collega più bello e simpatico può essere un ottimo diversivo nei momenti di pausa, ma non aiuta a mettere a punto la strategia che darebbe più chance di riuscita. Questo succede perché le fantasie positive ingannano la mente: per esempio, sognare una love story provoca effetti reali al nostro organismo, come se la stessimo vivendo davvero e quindi manda alla mente un messaggio illusorio di obiettivo raggiunto, come se avessimo centrato il bersaglio. Chi sogna ad occhi aperti si da meno da fare.

La fantasia da sola smorza la motivazione

Questo inganno ha l'effetto di smorzare la motivazione, secondo l'autrice. Non funziona né a livello personale né a livello di società. I politici che indulgono sull'ottimismo rischiano di finire vittima di uno storytelling che non ha riscontri sulla realtà. Meglio affrontare i problemi per quello che sono. Il pensiero positivo rischia dunque di avere soltanto un effetto consolatorio che però ci fa mollare la presa sui problemi reali. Là dove servono sforzo, dedizione, costanza occorre un approccio diverso, che coniuga la fantasia, molto utile per entrare in contatto con i nostri desideri, all'esperienza e alla realtà.

Elaborare sia le fantasie sia gli ostacoli

Per la Oettingen va bene sognare, però, per trovare la giusta determinazione serve aggirare l'effetto calmante della fantasia. Le fantasie vanno radicate nella realtà in un difficile equilibrio che però dà la giusta motivazione ad agire. Lei lo definisce «tecnica del contrasto mentale». «Secondo questa tecnica, oltre a fantasticare dobbiamo mettere a fuoco le barriere e gli ostacoli personali che ci impediscono di realizzare i nostri sogni - scrive la Oettingen - Forse abbiamo paura che confrontando direttamente le nostre aspirazioni con la realtà, queste vengano represse, rendendoci ancora più bloccati, indolenti e immotivati. Ma non è così. Quando facciamo ricorso al contrasto mentale, la nostra determinazione ad agire aumenta. E quando entriamo nel dettaglio delle azioni che intendiamo fare man mano che sorgono gli ostacoli, ci motiviamo ancora di più». Con il contrasto mentale, gli obiettivi sembrano più realizzabili. E se sono proprio irrealizzabili, ci risparmiamo la fatica di provarci.

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Una coppia su due litiga a causa di un tatuaggio legato all'ex: ma ne vale la pena?
Un cuore diviso a metà, una frase, l'iniziale del nome, il volto dell'amato: sono questi alcuni dei tatuaggi dedicati agli ex fidanzati che...
Emozioni
CONDIVIDI
6 cose che avrei voluto sapere prima di andare a vivere da sola
Ci sono cose che i genitori dicono ai figli prima che questi lascino il nido, tipo «non uscire mezza nuda che ti ammali», e ci sono le cose...
Ascolto attivo
Emozioni
CONDIVIDI
Per parlare con tuo figlio, imita Kate
Non è un caso che il duca e la duchessa di Cambridge si inginocchino quando devono parlare con i loro figli
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: gli eventi della giornata mondiale dedicata alla meditazione
Il 12 settembre 2017 è la Giornata mondiale della Mindfulness: tra appuntamenti e film, tutte le idee per meditare (da soli o in compagnia)
Emozioni
CONDIVIDI
Keep calm! 8 cose da fare per prevenire l'ansia
Dedicarsi ad attività piacevoli e sane, anche per pochi minuti al giorno, aiuta a spezzare quei meccanismi che attivano gli stati ansiosi
Emozioni
CONDIVIDI
Nexting, ovvero come raggiungere la felicità
Uno psichiatra francese ha elaborato un metodo che insegna come essere più felici guardando al futuro con più ottimismo: tutto ciò che ci...
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: come imparare l'arte della serenità
I più piccoli, il 14 settembre, tornano a scuola: e noi? Resteremo sedute sui banchi della vita, cercando di migliorarci con la meditazione
Bisogna dirsi tutto fra amiche?
Emozioni
CONDIVIDI
«Bisogna dirsi tutto fra amiche o su alcune cose è meglio tacere?»
«Il marito della mia amica storica le fa le corna»: se vuoi salvare l'amicizia, lascia che sia lei a decidere se mollarlo
Emozioni
CONDIVIDI
Le donne intelligenti faticano a trovare un partner? Proprio così
Uno studio conferma che le donne smart hanno difficoltà a trovare un uomo al loro livello: il motivo? Proprio quello che ti aspetti
Emozioni
CONDIVIDI
Le 10 regole auree dell'amicizia
Non possiamo dare per scontate le nostre amicizie: se è il caso che ci fa incontrare le persone, sono la costanza, la dedizione, il...