Stare in gruppo aiuta a vivere meglio?

Sentire di appartenere a una comunità serve a migliorare la propria la vita di relazione, a sentirsi utili, a farsi accettare e a migliorare nel confronto con gli altri

Più Popolare

Stare in gruppo, appartenere ad una comunità, sentirsi parte di un club, di una squadra, di un movimento o di una tribù, aiuta a vivere meglio. Malgrado le spinte individualistiche, saper stare bene con gli altri, quindi sviluppare un senso di appartenenza, è fondamentale per la crescita dell'individuo, del giovane come dell'adulto. Siamo pur sempre animali sociali, siamo fatti per vivere in relazione, abbiamo bisogno di sentirci utili, di essere accettati, miglioriamo e apprendiamo nel confronto con gli altri. Eppure, assistiamo ad una generale tendenza narcisistica a a far prevalere l'io rispetto al noi, a partecipare di meno alla vita sociale, accontentandoci di sviluppare relazioni virtuali sui social network.

Advertisement - Continue Reading Below

Con Maddalena Cialdella, psicologa e psicoterapeuta dell'Ordine degli Psicologi del Lazio, cerchiamo di capire perché stare in un gruppo aiuta a vivere meglio.

Per gli adolescenti è fondamentale sentirsi a proprio agio in un gruppo

Più Popolare

Durante l'adolescenza l'appartenenza al gruppo dei pari, dei coetanei, è fondamentale: è il momento in cui i ragazzi cominciano a diventare diversi dai propri genitori e il gruppo di amici rappresenta il mondo con cui confrontarsi, la forza trainante a cui omologarsi, la palestra di vita alternativa alla famiglia, che abitua al confronto e al rispetto delle regole. L'accettazione da parte del gruppo rimanda l'immagine che il giovane si crea di sé e plasma l'autostima. Al contrario, sentirsi a disagio nel gruppo e la paura di non essere accettati possono creare su soggetti fragili atteggiamenti di ritiro sociale, di negazione o rifiuto del mondo esterno.

Trovare il giusto equilibrio tra indipendenza e appartenenza

Anche in età adulta l'individuo ha bisogno di appartenere ad un gruppo, e con il passare degli anni è necessario trovare il giusto equilibrio tra appartenenza e indipendenza. La famiglia soddisfa questo bisogno di appartenenza, ma arriva il momento in cui deve proiettare i figli verso l'indipendenza e la ricerca della propria autonomia. Anche per un adulto appartenere solo alla famiglia può essere limitativo: è vero che esistono difficoltà oggettive, che mancano il tempo o le energie da dedicare alla socialità, ma qualche volta queste rappresentano solo delle scuse per sottrarsi a relazioni che sono tanto appaganti quanto impegnative e faticose. Mettersi in relazione con altre persone significa accettare le regole per stare in gruppo, dover chiedere, saper ascoltare, prendersi delle responsabilità, sentirsi in dovere, affrontare il conflitto, assumere ruoli, affrontare un giudizio.

Sentirsi utili e necessari accresce l'autostima

Nel gruppo ciascuno può sperimentare i vantaggi della cooperazione e del sostegno, dell'unione fa la forza. Chi entra in un gruppo accetta di mettersi in gioco perché la posta è alta, ed è premiante il fatto di sentirsi riconosciuti dal gruppo per il proprio ruolo, che sia di leadership o più defilato, non importa. Sentire l'importanza del proprio ruolo, del proprio apporto al gruppo non può che accrescere la nostra autostima. Questa dinamica, però, non funziona nei gruppi virtuali, quando all'incontro fisico sostituiamo le chat dei social network. Costa meno fatica, ma è anche meno gratificante.

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
10 compromessi che non dovresti mai e poi mai accettare in una relazione per non perderti
Scendere a patti fa parte dell'amore ma non dimenticarti chi sei, mai
Emozioni
CONDIVIDI
"Ho distrutto la vita a mio marito, ma non potevo fare diversamente. Sarei diventata una madre orrenda"
"Con la scusa di un altro me ne sono andata di casa": sei stata coraggiosa a mettere fine a una situazione non tragica eppure mortale
Emozioni
CONDIVIDI
E se sfogare la rabbia fosse controproducente? Meglio accettarla e trasformarla in energia positiva. Così
Non reprimere la collera ci isola dagli altri e si ritorce contro di noi: un monaco buddhista ci insegna a trasformare in energia positiva
Sguardo uomo
Emozioni
CONDIVIDI
Ricorda, c'è un ampio ventaglio di soluzioni tra essere invisibile e sentirsi minacciata da uno sguardo. Dal suo sguardo
Sentirsi addosso gli occhi di uno sconosciuto può dare fastidio o anche fare paura, ma in Scandinavia a volte si soffre di troppa freddezza
Emozioni
CONDIVIDI
Siamo sicuri di distinguere l'ansia produttiva da quella distruttiva? 5 errori emotivi che scatenano il panico
Nel mese di ottobre dedicato alla salute mentale, vi spieghiamo quali sono le parole della psicologia su cui facciamo più spesso confusione
Emozioni
CONDIVIDI
Quando l'amore di lui non è amore ma ossessione, un culto insensato pieno di rancore
Un uomo che ha per una donna un culto pieno di rancore, che potrebbe diventare violenza: per questo tanti uomini uccidono le ex
Emozioni
CONDIVIDI
Amore a distanza ovvero: "se non mi risponde subito al telefono mi viene l'ansia. Chiamo l'analista?"
Le nuove tecnologie sono nemiche dell'amore, meglio che uno dei due cerchi attivamente un lavoro nella città dell'altro
Emozioni
CONDIVIDI
Se lui ti ama ma non ti bacia, che problemi ha? O che problemi hai tu
Nel linguaggio amoroso il bacio è forse più appassionante di un rapporto completo: lui amerà baciarti quando vi accoglierete davvero
Emozioni
CONDIVIDI
12 ragioni per cui sei single anche se sei una bomba atomica (ma perché?!?)
Essere bellissima, in gambissima e magari anche indipendente ti fa essere 1 molto esigente 2 poco avvicinabile
Emozioni
CONDIVIDI
"Scommessa" più sicura? Perché ci sono donne (e ci sono!) che preferiscono gli uomini già impegnati
Esiste un motivo quasi scientifico per cui gli uomini già sposati o con relazioni sono più desiderabili dei single