Stare in gruppo aiuta a vivere meglio?

Sentire di appartenere a una comunità serve a migliorare la propria la vita di relazione, a sentirsi utili, a farsi accettare e a migliorare nel confronto con gli altri

Più Popolare

Stare in gruppo, appartenere ad una comunità, sentirsi parte di un club, di una squadra, di un movimento o di una tribù, aiuta a vivere meglio. Malgrado le spinte individualistiche, saper stare bene con gli altri, quindi sviluppare un senso di appartenenza, è fondamentale per la crescita dell'individuo, del giovane come dell'adulto. Siamo pur sempre animali sociali, siamo fatti per vivere in relazione, abbiamo bisogno di sentirci utili, di essere accettati, miglioriamo e apprendiamo nel confronto con gli altri. Eppure, assistiamo ad una generale tendenza narcisistica a a far prevalere l'io rispetto al noi, a partecipare di meno alla vita sociale, accontentandoci di sviluppare relazioni virtuali sui social network.

Advertisement - Continue Reading Below

Con Maddalena Cialdella, psicologa e psicoterapeuta dell'Ordine degli Psicologi del Lazio, cerchiamo di capire perché stare in un gruppo aiuta a vivere meglio.

Per gli adolescenti è fondamentale sentirsi a proprio agio in un gruppo

Più Popolare

Durante l'adolescenza l'appartenenza al gruppo dei pari, dei coetanei, è fondamentale: è il momento in cui i ragazzi cominciano a diventare diversi dai propri genitori e il gruppo di amici rappresenta il mondo con cui confrontarsi, la forza trainante a cui omologarsi, la palestra di vita alternativa alla famiglia, che abitua al confronto e al rispetto delle regole. L'accettazione da parte del gruppo rimanda l'immagine che il giovane si crea di sé e plasma l'autostima. Al contrario, sentirsi a disagio nel gruppo e la paura di non essere accettati possono creare su soggetti fragili atteggiamenti di ritiro sociale, di negazione o rifiuto del mondo esterno.

Trovare il giusto equilibrio tra indipendenza e appartenenza

Anche in età adulta l'individuo ha bisogno di appartenere ad un gruppo, e con il passare degli anni è necessario trovare il giusto equilibrio tra appartenenza e indipendenza. La famiglia soddisfa questo bisogno di appartenenza, ma arriva il momento in cui deve proiettare i figli verso l'indipendenza e la ricerca della propria autonomia. Anche per un adulto appartenere solo alla famiglia può essere limitativo: è vero che esistono difficoltà oggettive, che mancano il tempo o le energie da dedicare alla socialità, ma qualche volta queste rappresentano solo delle scuse per sottrarsi a relazioni che sono tanto appaganti quanto impegnative e faticose. Mettersi in relazione con altre persone significa accettare le regole per stare in gruppo, dover chiedere, saper ascoltare, prendersi delle responsabilità, sentirsi in dovere, affrontare il conflitto, assumere ruoli, affrontare un giudizio.

Sentirsi utili e necessari accresce l'autostima

Nel gruppo ciascuno può sperimentare i vantaggi della cooperazione e del sostegno, dell'unione fa la forza. Chi entra in un gruppo accetta di mettersi in gioco perché la posta è alta, ed è premiante il fatto di sentirsi riconosciuti dal gruppo per il proprio ruolo, che sia di leadership o più defilato, non importa. Sentire l'importanza del proprio ruolo, del proprio apporto al gruppo non può che accrescere la nostra autostima. Questa dinamica, però, non funziona nei gruppi virtuali, quando all'incontro fisico sostituiamo le chat dei social network. Costa meno fatica, ma è anche meno gratificante.

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Perché farsi degli amici in ufficio è fondamentale
Statene certe, stringere amicizie sul posto di lavoro potrebbe avere un impatto sul vostro livello di felicità molto più profondo di quanto...
Emozioni
CONDIVIDI
La Francia frena su Photoshop
Per arginare il senso di frustrazione causato da immagini troppo perfette, il governo francese ha stabilito che bisogno dire se una foto è...
Emozioni
CONDIVIDI
Perché la ricetta contro la competizione è riscoprirsi umani
La psicoterapeuta Olga Chiaia invita a rivalutare la propria autenticità: il voler essere qualcun altro è faticosissimo e porta alla...
Emozioni
CONDIVIDI
5 domande da non fare MAI a un'amica vegana
Certo, ognuno è libero di chiedere e ognuno è altrettanto libero di non rispondere, però se ci tenete a non innervosire la vostra amica...
Mindfulness: come trasformare la dieta in un'esperienza di gratificazione attraverso la meditazione
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: come trasformare la dieta in un'esperienza gratificante
L'inconsapevolezza rende affamati tanto che le diete dimagranti spesso falliscono a causa di una ricerca di gratificazione alimentare...
Frasi di compleanno
Emozioni
CONDIVIDI
Le più belle frasi di compleanno per auguri memorabili
Per augurare buon compleanno con stile ecco alcune bellissime frasi da cui prendere ispirazione
Emozioni
CONDIVIDI
Perché stare da soli non è facile ma ci aiuta a stare bene
Può fare paura, ma in realtà la solitudine è anche la condizione talvolta ideale per fare emergere lati di noi stesse che pensavo sopiti
Emozioni
CONDIVIDI
Perché essere coerenti con sé stessi non è sempre un bene
Chiedere a sé stessi e agli altri di essere coerenti può essere una trappola che non consente libertà di scelta e adattabilità
Emozioni
CONDIVIDI
Demisessualità: cos'è e cosa significa esserlo?
Le cose da sapere sulla demisessualità, ovvero quell'orientamento sessuale che prevede la nascita di un vero sentimento prima...
Mindfulness karma, cos'e e come governarlo?
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: come possiamo comprendere e governare il nostro karma?
La parola karma significa «azione» e rappresenta una delle più importanti leggi di natura: quella di causa ed effetto, per cui ad ogni...