5 consigli per superare l'invidia che ti rovina la vita

Sei invidiosa? Devi avere più fiducia in te stessa e nelle tue virtù, per trasformare un'emozione negativa nella molla del cambiamento

Più Popolare

Superare l'invidia e trasformarla in ammirazione ti sembra un'impresa impossibile. Nemmeno lo ammetti di provare astio per alcune persone, di non sopportarne il successo, la felicità o la fortuna. L'invidia è uno dei sette vizi capitali, fonte di frustrazione e indice di identità incerta e scarsa fiducia in sé. Affiora quando non ti senti all'altezza di una situazione e credi che svalutando gli altri tu possa affermare meglio te stessa. Il guaio dell'invidia è che assorbe molte energie, ti rende odiosa, ma soprattutto ti impedisce di apprezzare le tue virtù, così presa come sei dalle virtù altrui. Ecco 5 buoni consigli per smettere di essere invidiosa e valorizzare meglio te stessa.

Advertisement - Continue Reading Below

1. Diventa meno severa con te stessa

Essere invidiosa degli altri implica un giudizio negativo su te stessa, sulle tue capacità e possibilità. Per superare l'invidia, che non è certo un stato d'animo positivo, cerca di essere meno severa con te stessa, valuta quali possono essere le tue reali chance di ottenere quello che desideri. Concentrati su quello che sei e quello che hai, lasciando da parte quello che non hai o non sei ancora diventata. E datti del tempo per realizzare le tue aspettative. Considera anche che provare invidia un effetto positivo ce l'ha: stimola la competizione, purché non tu non ti limiti a piangerti addosso.

Più Popolare

2. Emula invece di roderti d'invidia

Sbagli ad invidiare un'altra donna perché più elegante, più affascinante o più intelligente di te. Stai perdendo l'occasione per ispirati a una persona che ti può dare molti spunti per migliorare. Invece di augurarle ogni accidente, mettiti in attenta osservazione, cerca di carpire il segreto del suo fascino. Individua nei suoi atteggiamenti quelli che ti sembra ti manchino e sforzati di emularli. Se è il sorriso, impara a sorridere anche tu, se è il portamento disinvolto allenati a imitarlo e farlo tuo. Non è un copia&incolla, semmai, un copia&adatta a te stessa.

3. Assumiti le tue responsabilità

Se sei invidiosa tendi a dare tutte le colpe delle tue (presunte) sfortune o mancanze agli altri o al mondo. Si tratta di un meccanismo di difesa della mente, ma anche un escamotage per non assumerti la piena responsabilità delle tue azioni. Non puoi provare astio – e quindi stare male – perché la tua collega sta facendo carriera grazie ai suoi due master, se tu non ti sei nemmeno iscritta all'università. Prendi coscienza delle scelte che hai fatto, rivendicale e impara a convivere serenamente con esse. Oppure, siccome non è davvero mai troppo tardi, trova un rimedio, mettiti sulla strada del cambiamento.

4. Smetti di idealizzare la vita degli altri

Puoi riuscire a superare l'invidia quando ti accorgi che stai idealizzando la vita altrui, senza una vera ragione. Se ci pensi bene, è molto probabile che l'invidia sia indotta da modelli che ti sono stati imposti oppure da un certo tipo di educazione familiare. Cerca di capire se quei modelli meritano davvero così tanta ammirazione da suscitare invidia o se, al contrario, non aderiscono per nulla a quelli che sono i tuoi veri valori, al tuo stile di vita ideale, a quello in cui credi. Non ha nessun senso invidiare la tua amica avvocato di grido (quella che i tuoi genitori si aspettavano che tu diventassi) se tu detesti i lavori di responsabilità e preferisci un'attività basata sulla creatività e il lavoro manuale.

5. Fai un bagno di realismo

Se sei brava a decifrarla, un po' di invidia ti aiuta a interrogarti nel profondo su chi sei e cosa vuoi davvero. Perché non diventi inutile astio che avvelena le giornate, fai in modo che diventi un pretesto per diventare molto realista e capire se e cosa c'è da cambiare in te. Quando le persone che invidiavi cominciano a sembrarti ammirevoli o addirittura simpatiche, sei sulla buona strada.

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Siamo sicuri di distinguere l'ansia produttiva da quella distruttiva? 5 errori emotivi che scatenano il panico
Nel mese di ottobre dedicato alla salute mentale, vi spieghiamo quali sono le parole della psicologia su cui facciamo più spesso confusione
Emozioni
CONDIVIDI
Quando l'amore di lui non è amore ma ossessione, un culto insensato pieno di rancore
Un uomo che ha per una donna un culto pieno di rancore, che potrebbe diventare violenza: per questo tanti uomini uccidono le ex
Emozioni
CONDIVIDI
Amore a distanza ovvero: "se non mi risponde subito al telefono mi viene l'ansia. Chiamo l'analista?"
Le nuove tecnologie sono nemiche dell'amore, meglio che uno dei due cerchi attivamente un lavoro nella città dell'altro
Emozioni
CONDIVIDI
Se lui ti ama ma non ti bacia, che problemi ha? O che problemi hai tu
Nel linguaggio amoroso il bacio è forse più appassionante di un rapporto completo: lui amerà baciarti quando vi accoglierete davvero
Emozioni
CONDIVIDI
12 ragioni per cui sei single anche se sei una bomba atomica (ma perché?!?)
Essere bellissima, in gambissima e magari anche indipendente ti fa essere 1 molto esigente 2 poco avvicinabile
Emozioni
CONDIVIDI
"Scommessa" più sicura? Perché ci sono donne (e ci sono!) che preferiscono gli uomini già impegnati
Esiste un motivo quasi scientifico per cui gli uomini già sposati o con relazioni sono più desiderabili dei single
Emozioni
CONDIVIDI
Perché piango sempre? La risposta definitiva a una keyword epica
Triste? Un po'. Curioso? Molto.
Emozioni
CONDIVIDI
"Il metodo danese fa crescere i bambini felici e rende i genitori persone serene. È una filosofia che dovreste praticare tutti"
Un libro, molte candele e tanta consapevolezza
Emozioni
CONDIVIDI
Panico totale da colloquio in inglese? 4 consigli per affrontarlo con sicurezza e senza ansia
Prima di tutto, niente panico; poi, se volete affrontare nel migliore dei modi un colloquio in inglese, leggete i nostri consigli e...
Emozioni
CONDIVIDI
Comportamento da Hikikomori e Neet: cosa vuol dire e da cosa dipende
L'Ordine degli Psicologi della Lombardia fail punto su una questione molto delicata