Lavorare da casa: vantaggi e svantaggi

Il telelavoro può sembrare una liberazione, però bisogna fare i conti con la reperibilità continua e il rischio che il lavoro si sovrapponga alla vita privata

Più Popolare

Ve la sentireste di lavorare da casa? Niente più spostamenti, nessun rischio di perdere il treno, addio al fiato sul collo del capo, basta con la mensa aziendale… Però, al tempo stesso, nessun collega con cui confrontarsi, giornate intere senza parlare con nessuno, fine dei pettegolezzi ma anche dello scambio di idee, della cooperazione tra colleghi, delle riunioni. Cerchiamo di capire quali sono i pro e i contro del cosiddetto smart working, ovvero del telelavoro, pratica ancora poco diffusa nel nostro paese, ma di certo in via di espansione, considerato il numero sempre più elevato di persone che si trovano a lavorare da casa con internet, per scelta o per necessità. Ne abbiamo parlato con il professor Marco Vitiello, docente di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni all'Università Sapienza di Roma, coordinatore del gruppo tecnico sulla Psicologia del Lavoro presso l'Ordine degli Psicologi del Lazio, che ci ha dato qualche dritta.

Advertisement - Continue Reading Below

Lavorare da casa, un'arma a doppio taglio

La possibilità di lavorare da casa va incontro all'efficienza organizzativa di alcune tipologie di aziende ed ha anche potenzialmente un impatto positivo sulla mobilità, soprattutto nelle grande aree urbane congestionate. Per i lavoratori può essere un'opportunità per ridurre lo stress degli spostamenti casa/lavoro e per liberare tempo per sé e per la famiglia. Attenzione, però, perché lavorare da casa può essere anche un'arma a doppio taglio: le aziende, in cambio di un computer e di uno smartphone, chiedono la reperibilità continua e il sogno di poter gestire il proprio lavoro in piena autonomia, di trovare tempo per sé o per i figli, rischia di infrangersi. E poi bisogna disporre, a casa propria, di un luogo idoneo a svolgere il proprio lavoro, che non si sovrapponga alla vita domestica o familiare.

Più Popolare

Il lavoro è per sua natura sociale

L'uomo ha sempre lavorato a stretto contatto con i suoi simili, sin dagli albori della civiltà, quindi la dimensione sociale del lavoro ce l'abbiamo nel DNA e difficilmente possiamo rinnegarla. Fatta eccezione per pochissime professioni, l'individualismo lavorativo non produce risultati.

Il lavoro necessita di confronto, di stimoli, di feed-back continui. Difficilmente io posso produrre qualcosa da solo. Tanto è vero che un'azienda come Yahoo ha ridotto le sue posizioni di telelavoro perché non davano i risultati auspicati. Stando a casa, il lavoratore si immagina un mondo tutto suo, che spesso non corrisponde a quello reale. Come sempre la virtù sta nel mezzo: l'ideale sarebbe poter lavorare un paio di giorni per conto proprio, e gli altri in azienda. Ma mi chiedo quali aziende sono pronte per questo cambio.

Lavora bene da casa chi sa essere autonomo

Per lavorare da casa serve aver sviluppato un buon grado di autonomia, ovvero la capacità di auto-organizzarsi, di gestire il proprio tempo. Il rischio, per chi non ha acquisito questa capacità, è quello di perdersi, di non sapersi organizzare, di non trovare il giusto ritmo, quindi alla fine di fare più fatica. E poi non è detto che l'azienda stessa sia in grado di gestire i tempi di chi lavora da casa. Il rischio di conflittualità sui tempi e sui modi del lavoro è molto elevato. Consiglio a chi sceglie di lavorare da casa di non farsi strumentalizzare, di negoziare bene con il proprio datore di lavoro le mansioni, i tempi, i ritmi. Solo così la qualità della propria vita ne può trarre beneficio, diversamente può essere molto penalizzata.

More from Gioia!:
Come combattere l'insonnia con la Mindfulness: rimedi e consigli
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: come combattere l'insonnia
Puntando troppo sul lavorio mentale ci siamo educati a non riposare ma non è detta l'ultima parola
La depressione post parto colpisce anche gli uomini
Emozioni
CONDIVIDI
La depressione post partum colpisce (anche) lui
Anche i neo-padri possono soffrire i sintomi del baby blues perché impreparati ad assumere la loro nuova identità
Come combattere stress e fatica con la Mindfulness: 4 esercizi da fare in pausa pranzo
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: pausa pranzo antistress
Quando le vacanze sono ancora lontane bastano 15 minuti per ritrovare forza e serenità
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Emozioni
CONDIVIDI
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Controcorrente rispetto al consumismo apparentemente dominante, una nuova corrente di pensiero spinge, invece, ad accumulare meno, in virtù...
Emozioni
CONDIVIDI
«La sua famiglia è contro il nostro amore»
«Lei è la donna della mia vita, ma i suoi ci hanno fatto litigare»: coraggio cavaliere, 
la forza devi mettercela tu!
Emozioni
CONDIVIDI
La paura del giudizio altrui è come un mammut (che continua a ostacolarti la strada)
Secondo una teoria psicologica c'è un retaggio preistorico che ci fa cercare l'approvazione, ma si può domare!
Emozioni
CONDIVIDI
«Mi sembrava affascinante, ma è un narcisista»
«Parla solo di sé, io o un'altra, uguale, pur di farsi ammirare»: è solo un equivoco fra narcisisti, lui ha rovesciato il gioco
Emozioni
CONDIVIDI
5 mosse per trasformare una giornata iniziata male
Per tornare di buon umore basta seguire la regola delle 5R!
Emozioni
CONDIVIDI
«Appena mi chiama io corro, ma lui è ambiguo»
Tu dici che lui è disonesto, mentre tu sei tenera e fedele, ma poi si scopre che hai anche un marito e stai parlando del tuo amante
Emozioni
CONDIVIDI
Perché oggi più che mai l'accettazione del corpo è cruciale
Anche le celeb non sono immuni dalle critiche feroci intorno al loro corpo, vedi i casi recenti di Rihanna e Vanessa Incontrada: quando la...