Come superare la timidezza e l'imbarazzo se sei una persona troppo sensibile

Accetta la possibilità di sbagliare, intercetta i pensieri negativi, impara a controllare il tuo respiro e sarai più a tuo agio in ogni situazione pubblica

Più Popolare

Superare la timidezza è possibile. Devi lavorare a lungo su te stessa, osservarti, analizzarti nel profondo, capirne le cause. Come ogni abilità sociale, la spigliatezza è qualcosa che puoi apprendere se non ne sei dotata naturalmente. È un problema abbastanza comune delle persone estremamente sensibili: alcuni studi suggeriscono che una persona su due si percepisce come timida, mentre una su dieci soffre di veri e propri disturbi di ansia sociale che possono limitare fortemente la vita di relazione, la possibilità di prendere parte ad eventi importanti, di esprimere le proprie opinioni e valori. Ecco 5 validi suggerimenti per essere più a tuo agio in ogni situazione pubblica (e ricorda sempre che per vincere la timidezza è importante anche imparare a conoscerne le virtù).

Advertisement - Continue Reading Below

1. Accetta la possibilità di sbagliare

Più Popolare

Per superare la timidezza devi scacciare dalla tua testa l'idea di perfezione e accettare la possibilità di sbagliare, di avere dei limiti, come tutti gli esseri umani, del resto. Dietro una persona che soffre di timidezza c'è spesso un narcisista che vorrebbe essere al centro dell'universo e che, per paura di non farcela, si nasconde o sfugge. Ora che ne sei cosciente, valuta se non valga la pena ridimensionare le tue aspettative. Meglio partecipare ad una festa, con il rischio di apparire un po' goffi (ed è tutto da dimostrare) o starsene a casa? Meglio intavolare una conversazione, anche se non brillantissima, o negarsi la possibilità di conoscere una persona che ci attrae? Meglio tentare un esame o rimandare ancora per paura? La strategia è quella di puntare a un obiettivo magari modesto, ma realizzabile e a portata di mano, senza prendersi troppo sul serio. Ricordati che le persone timide possono compensare certi limiti caratteriali grazie alla loro dolcezza e sensibilità: il giudizio su di loro è sempre superiore alle loro stesse aspettative.

2. Impara a riconoscere i pensieri negativi

Se soffri di ansia sociale, sei afflitta da pensieri negativi ricorrenti che affiorano anche solo all'idea di dover affrontare una situazione pubblica: "tutti rideranno di me se qualcosa va storto", "se sbaglio penseranno che sono stupida", etc. C'è chi usa la sua personalissima sfera di cristallo per predire che tutto andrà nel peggiore nei modi, facendo così salire alle stelle l'ansia anticipatoria, quella che induce persino a rinunciare a mettersi in gioco. Sono pensieri che riconosci come irrazionali e immotivati, quindi è importante che impari a neutralizzarli spostando l'attenzione su pensieri più positivi e costruttivi ("perché deve andare del tutto male?", "perché dovrebbero tutti occuparsi di me?", "mi concentro su quello che sto facendo e non su quello che gli altri potrebbero pensare di me").

Advertisement - Continue Reading Below

3. Affronta le paure, non svicolare

Evitare le circostanze in cui ti senti a disagio non fa che accrescere il disagio stesso, perché inevitabilmente vieni poi assalita dal senso di colpa e di inferiorità per non essere stata all'altezza della situazione. Tanto vale provarci, esponendoti a piccole dosi prima in ambienti protetti (nel tuo cerchio di amicizie, con persone con le quali condividi interessi o problemi, nelle situazioni dove rischi di meno) e poi via via negli ambienti che ti sembrano più ostici.

4. Recita per scacciare le paure

Parallelamente, lavora sulle tue capacità comunicative: saper gestire nel modo corretto la gestualità, l'espressività, i movimenti, la postura, lo sguardo, ti aiuta nei momenti critici, quando devi approcciare una persona ad una festa, o parlare in pubblico, o a far valere le tue opinioni sul lavoro. Puoi imparare a recitare una parte, proprio come fanno gli attori: quando interpreti un ruolo, prendi le distanze da te stessa e quindi dalle tue paure. Ai timidi fa bene esercitarsi a essere un po' sopra le righe... sanno benissimo come ridimennsionarsi.

5. Lavora sul tuo corpo

Non pensare che sia solo una questione di testa. La timidezza e i suoi sintomi si materializzano sul tuo corpo: la respirazione accelera, così il battito cardiaco, arrivano tremori, sudori, secchezza delle fauci, arrossamenti, mal di testa, persino nausea e vertigini. Imparare a regolarizzare e controllare il respiro con esercizi specifici di rilassamento muscolare ti permette di contrastare o alleviare le manifestazioni più acute dell'ansia sociale. Prima di una situazione potenzialmente ansiogena, evita di bere alcolici o di fumare (alcol e nicotina sono potenziatori dell'ansia), evita troppi caffè (è uno stimolante, ti agita) e, in generale, cerca di praticare regolarmente yoga o sessioni di rilassamento muscolare. Anche dormire regolarmente ti aiuta a trovarti nelle condizioni psico-fisiche ideali per contrastare l'imbarazzo.

More from Gioia!:
La depressione post parto colpisce anche gli uomini
Emozioni
CONDIVIDI
La depressione post partum colpisce (anche) lui
Anche i neo-padri possono soffrire i sintomi del baby blues perché impreparati ad assumere la loro nuova identità
Emozioni
CONDIVIDI
In difesa delle lacrime al lavoro
Piangere in ufficio è l'ultimo dei tabù, quasi uno stigma sociale, e invece potrebbe essere un modo positivo per sviscerare problemi e...
Come combattere stress e fatica con la Mindfulness: 4 esercizi da fare in pausa pranzo
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: pausa pranzo antistress
Quando le vacanze sono ancora lontane bastano 15 minuti per ritrovare forza e serenità
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Emozioni
CONDIVIDI
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Controcorrente rispetto al consumismo apparentemente dominante, una nuova corrente di pensiero spinge, invece, ad accumulare meno, in virtù...
Emozioni
CONDIVIDI
«La sua famiglia è contro il nostro amore»
«Lei è la donna della mia vita, ma i suoi ci hanno fatto litigare»: coraggio cavaliere, 
la forza devi mettercela tu!
Ecco 10 libri di psicologia da leggere durante l'estate
Emozioni
CONDIVIDI
10 libri da mettere in valigia per conoscersi meglio
Dalle virtù del riposo all'autostima erotica, dall'onore alle gioie (e i dolori) della maternità, ecco i testi di psicologia da portare in...
Emozioni
CONDIVIDI
La paura del giudizio altrui è come un mammut (che continua a ostacolarti la strada)
Secondo una teoria psicologica c'è un retaggio preistorico che ci fa cercare l'approvazione, ma si può domare!
Emozioni
CONDIVIDI
Resilienza: impara ad allenarla
Sheryl Sandberg, direttrice operativo di Facebook, ha raccontato in un libro la morte del marito e la sua volontà di affrontare il dolore e...
Emozioni
CONDIVIDI
«Mi sembrava affascinante, ma è un narcisista»
«Parla solo di sé, io o un'altra, uguale, pur di farsi ammirare»: è solo un equivoco fra narcisisti, lui ha rovesciato il gioco
Emozioni
CONDIVIDI
5 mosse per trasformare una giornata iniziata male
Per tornare di buon umore basta seguire la regola delle 5R!