Come capire il linguaggio del corpo

Linguaggio del corpo: i consigli dello psicologo per imparare a interpretare in modo costruttivo i gesti degli altri ed essere più consapevoli di ciò che comunichiamo con i nostri movimenti e i nostri sguardi

Più Popolare

Il linguaggio del corpo vale più di tante parole. Toccarsi i capelli, giocherellare con gli anelli, accavallare le gambe, sfiorarsi le orecchie, inarcare le caviglie, mordersi il labbro... Ciascun gesto comunica qualcosa, che lo vogliamo oppure no.  Il linguaggio non verbale è responsabile di almeno il 90 per cento della comunicazione. Le parole, in definitiva, contano davvero poco rispetto a quanto possiamo esprimere con i gesti, la postura, l'intensità dello sguardo o il tono della voce. Con l'aiuto di Marco Vitiello, docente di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni all'Università Sapienza di Roma, dell'Ordine degli Psicologi del Lazio, cerchiamo di capire quanto siamo in grado di comprendere il linguaggio del corpo e come lo possiamo migliorare. 

Advertisement - Continue Reading Below

Le parole non bastano, ci servono altre informazioni

Quando entriamo in contatto con una persona cerchiamo immediatamente di capire non solo quello che ci dice, ma quello che intende davvero dire. Dove vuole andare a parare. È una forma di tutela con la quale cerchiamo informazioni complementari rispetto a quelle che assumiamo ascoltando le parole. Tutti siamo più o meno dotati della capacità di cogliere questi meta-messaggi dall'espressione del viso, dalla gestualità o dalla postura. Certo è che i codici validi in una cultura non lo sono necessariamente in un'altra. È normale che un tedesco possa fraintendere il nostro gesticolare, mentre per noi italiani è una forma di comunicazione del tutto acquisita. 

Più Popolare

Per il corpo è più difficile mentire

Più difficile risulta controllare il linguaggio del nostro corpo. Certo, esistono gli imperturbabili, persone che hanno imparato a tenere sotto controllo perfettamente i loro gesti, che si esercitano a farlo: pensiamo a un criminale durante un interrogatorio o davanti al giudice. E' più facile controllare la mimica facciale se riusciamo a focalizzarci su uno scopo ben specifico, se è importante in quel momento dissimulare oppure esprimere a chiare lettere le nostre intenzioni, anche nel caso del gioco della seduzione. Non è facile: agli esami i miei studenti mi riferiscono immediatamente con il tono della voce, con gli intercalari, con la postura, quanto si sentono sicuri della loro preparazione. Dunque, occorre esserne consapevoli, soprattutto in occasione di un colloquio di lavoro.  

Attenti a convinzioni, paure e pregiudizi

Occorre essere consapevoli che, nel decriptare i segnali del corpo, noi tutti siamo influenzati dalle nostre convinzioni, dalle paure o dai pregiudizi. In sostanza, se sono convinto che il mio capo è una persona cattiva, è molto probabile che interpreti ogni suo gesto come una forma di aggressione. Anche quando non lo è. Lo sforzo che dobbiamo fare è quello di verificare e confutare le nostre interpretazioni e trovarne di costruttive, che ci aiutino a scardinare certi giudizi… per arrivare a scoprire che il capo così cattivo, in fondo, non lo è.

Cercare sempre il feedback

Esiste comunicazione se c'è complementarietà (se sto parlando con te è perché mi interessa parlare con te) e se  l'interlocutore lancia un messaggio di ritorno, ovvero un feedback (ho/non ho capito, sono/non sono d'accordo…). Se non cogliamo il feedback la comunicazione rimane sospesa. Che sia uno sguardo o una pacca sulla spalla, è essenziale, ai fini della comprensione, dare un riscontro e interpretarlo correttamente. Per farlo è sempre bene sapersi mettere nei panni dell'altro.

Spontaneità o artificiosità: cosa è meglio?

Tra spontaneità e artificiosità, direi che il giusto sta nel mezzo. Quello che è davvero importante è chi è la persona che ho di fronte e cosa devo raggiungere in quella interlocuzione. La vera regolazione sociale dei nostri comportamenti sono gli altri, ovvero come migliorare le relazioni che intendiamo intrattenere. 

More from Gioia!:
Frequentare un corso di psicologia femminile serve a riscoprire le proprie potenzialità
Emozioni
CONDIVIDI
Come cambiare la tua vita con un corso in rosa
Sono molti i corsi per sole donne dove confrontarsi in tutta libertà su crescita personale, sessualità, autostima, empatia
Emozioni
CONDIVIDI
Principe Harry: «Sì, sono stato depresso»
Il figlio di Lady D parla del «caos totale» che lo ha colpito dopo la scomparsa della principessa Diana e dà un prezioso consiglio a tutti
grazie-mantra-che-cambia-vita
Emozioni
CONDIVIDI
Grazie, un mantra che ti cambia la vita
Impara a sviluppare il senso di gratitudine, un sentimento straordinario che, coltivato con sapienza, può cambiarti davvero la vita
La sindrome di Peter Pan è l'incapacità di assumersi responsabilità e fare delle scelte
Emozioni
CONDIVIDI
Ecco perché certi uomini sono eterni Peter Pan
È l'immaturità affettiva che porta gli uomini a essere eterni bambini
Emozioni
CONDIVIDI
Gli uomini calvi sono più sexy, sarà vero?
Secondo alcuni studi gli uomini calvi sono più intelligenti, di successo e virili rispetto a chi ha una folta chioma
come-prendere-la-decisione-giusta
Emozioni
CONDIVIDI
Sai come prendere la decisione giusta?
Decidere a volte può essere molto difficile, anche perché raramente ci chiediamo: perché lo sto facendo? Chi sono? Dove voglio arrivare?
amore-eterno-frasi-poesie
Emozioni
CONDIVIDI
Il tuo è amore eterno? Diglielo così
Frasi celebri dei film, frasi di canzoni, poesie e aforismi da dedicare a chi ami per dire che il tuo amore non avrà mai fine
Aforismi sugli amori impossibili.
Emozioni
CONDIVIDI
Amori impossibili: quando il lieto fine non c'è
La storia è piena di amori senza lieto fine, ecco le storie, le canzoni e le frasi più belle che li raccontano
Aforismi sull'amore non corrisposto.
Emozioni
CONDIVIDI
Amore non corrisposto: le frasi per dimenticare
Per dimenticare chi ti ha rubato il cuore senza ricambiare ecco le frasi e gli aforismi che ti faranno sentire meglio
depressione-come-si-cura-guarire
Emozioni
CONDIVIDI
Depressione, parlarne per guarire
La Giornata mondiale della salute del 7 aprile è dedicata alla depressione: per dire con una campagna dell'Oms che si può guarire