Come capire il linguaggio del corpo

Linguaggio del corpo: i consigli dello psicologo per imparare a interpretare in modo costruttivo i gesti degli altri ed essere più consapevoli di ciò che comunichiamo con i nostri movimenti e i nostri sguardi

Più Popolare

Il linguaggio del corpo vale più di tante parole. Toccarsi i capelli, giocherellare con gli anelli, accavallare le gambe, sfiorarsi le orecchie, inarcare le caviglie, mordersi il labbro... Ciascun gesto comunica qualcosa, che lo vogliamo oppure no.  Il linguaggio non verbale è responsabile di almeno il 90 per cento della comunicazione. Le parole, in definitiva, contano davvero poco rispetto a quanto possiamo esprimere con i gesti, la postura, l'intensità dello sguardo o il tono della voce. Con l'aiuto di Marco Vitiello, docente di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni all'Università Sapienza di Roma, dell'Ordine degli Psicologi del Lazio, cerchiamo di capire quanto siamo in grado di comprendere il linguaggio del corpo e come lo possiamo migliorare. 

Advertisement - Continue Reading Below

Le parole non bastano, ci servono altre informazioni

Quando entriamo in contatto con una persona cerchiamo immediatamente di capire non solo quello che ci dice, ma quello che intende davvero dire. Dove vuole andare a parare. È una forma di tutela con la quale cerchiamo informazioni complementari rispetto a quelle che assumiamo ascoltando le parole. Tutti siamo più o meno dotati della capacità di cogliere questi meta-messaggi dall'espressione del viso, dalla gestualità o dalla postura. Certo è che i codici validi in una cultura non lo sono necessariamente in un'altra. È normale che un tedesco possa fraintendere il nostro gesticolare, mentre per noi italiani è una forma di comunicazione del tutto acquisita. 

Più Popolare

Per il corpo è più difficile mentire

Più difficile risulta controllare il linguaggio del nostro corpo. Certo, esistono gli imperturbabili, persone che hanno imparato a tenere sotto controllo perfettamente i loro gesti, che si esercitano a farlo: pensiamo a un criminale durante un interrogatorio o davanti al giudice. E' più facile controllare la mimica facciale se riusciamo a focalizzarci su uno scopo ben specifico, se è importante in quel momento dissimulare oppure esprimere a chiare lettere le nostre intenzioni, anche nel caso del gioco della seduzione. Non è facile: agli esami i miei studenti mi riferiscono immediatamente con il tono della voce, con gli intercalari, con la postura, quanto si sentono sicuri della loro preparazione. Dunque, occorre esserne consapevoli, soprattutto in occasione di un colloquio di lavoro.  

Attenti a convinzioni, paure e pregiudizi

Occorre essere consapevoli che, nel decriptare i segnali del corpo, noi tutti siamo influenzati dalle nostre convinzioni, dalle paure o dai pregiudizi. In sostanza, se sono convinto che il mio capo è una persona cattiva, è molto probabile che interpreti ogni suo gesto come una forma di aggressione. Anche quando non lo è. Lo sforzo che dobbiamo fare è quello di verificare e confutare le nostre interpretazioni e trovarne di costruttive, che ci aiutino a scardinare certi giudizi… per arrivare a scoprire che il capo così cattivo, in fondo, non lo è.

Cercare sempre il feedback

Esiste comunicazione se c'è complementarietà (se sto parlando con te è perché mi interessa parlare con te) e se  l'interlocutore lancia un messaggio di ritorno, ovvero un feedback (ho/non ho capito, sono/non sono d'accordo…). Se non cogliamo il feedback la comunicazione rimane sospesa. Che sia uno sguardo o una pacca sulla spalla, è essenziale, ai fini della comprensione, dare un riscontro e interpretarlo correttamente. Per farlo è sempre bene sapersi mettere nei panni dell'altro.

Spontaneità o artificiosità: cosa è meglio?

Tra spontaneità e artificiosità, direi che il giusto sta nel mezzo. Quello che è davvero importante è chi è la persona che ho di fronte e cosa devo raggiungere in quella interlocuzione. La vera regolazione sociale dei nostri comportamenti sono gli altri, ovvero come migliorare le relazioni che intendiamo intrattenere. 

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Una coppia su due litiga a causa di un tatuaggio legato all'ex: ma ne vale la pena?
Un cuore diviso a metà, una frase, l'iniziale del nome, il volto dell'amato: sono questi alcuni dei tatuaggi dedicati agli ex fidanzati che...
Emozioni
CONDIVIDI
6 cose che avrei voluto sapere prima di andare a vivere da sola
Ci sono cose che i genitori dicono ai figli prima che questi lascino il nido, tipo «non uscire mezza nuda che ti ammali», e ci sono le cose...
Emozioni
CONDIVIDI
In famiglia ti senti scontata? Forse la colpa è (anche) tua
Figli e marito non ti aiutano? Ti ritrovi a fare tutto da sola? Prova a cambiare atteggiamento con questi 5 consigli dell'esperta
Ascolto attivo
Emozioni
CONDIVIDI
Per parlare con tuo figlio, imita Kate
Non è un caso che il duca e la duchessa di Cambridge si inginocchino quando devono parlare con i loro figli
Emozioni
CONDIVIDI
Keep calm! 8 cose da fare per prevenire l'ansia
Dedicarsi ad attività piacevoli e sane, anche per pochi minuti al giorno, aiuta a spezzare quei meccanismi che attivano gli stati ansiosi
Emozioni
CONDIVIDI
Nexting, ovvero come raggiungere la felicità
Uno psichiatra francese ha elaborato un metodo che insegna come essere più felici guardando al futuro con più ottimismo: tutto ciò che ci...
Bisogna dirsi tutto fra amiche?
Emozioni
CONDIVIDI
«Bisogna dirsi tutto fra amiche o su alcune cose è meglio tacere?»
«Il marito della mia amica storica le fa le corna»: se vuoi salvare l'amicizia, lascia che sia lei a decidere se mollarlo
Emozioni
CONDIVIDI
Le donne intelligenti faticano a trovare un partner? Proprio così
Uno studio conferma che le donne smart hanno difficoltà a trovare un uomo al loro livello: il motivo? Proprio quello che ti aspetti
Emozioni
CONDIVIDI
Le 10 regole auree dell'amicizia
Non possiamo dare per scontate le nostre amicizie: se è il caso che ci fa incontrare le persone, sono la costanza, la dedizione, il...
Lo stalker che mi risucchia la vita
Emozioni
CONDIVIDI
«Il mio ex è uno stalker che mi risucchia la vita»
«L'ho denunciato ai carabinieri e tutto quello che hanno fatto è stato ammonirlo»: fuggi lontano da tanto squallore