Sogni: 5 consigli pratici per farli diventare realtà

Il 2 ottobre 2016 è il Dreamers Day, il giorno dei sognatori: scopri un metodo per non smettere di sognare, cambiare la visione sulla vita e ricreare le condizioni per essere felice

Più Popolare

Non smettiamo di sognare. Anzi, rimettiamo la capacità di sognare al centro del nostro pensiero. Coltivando i nostri sogni, possiamo entrare in contatto con il nostro sé più autentico, con i nostri desideri. Questo il messaggio del Dreamers Day (il giorno dei sognatori), un evento che si tiene domenica 2 ottobre a Milano al teatro Dal Verme (via San Giovanni sul Muro 2, ore 9.30-18.30, ingresso 29 €, dreamersday.it), organizzato da School for Dreamers. Sul palco "sognatori pragmatici" di varie provenienze racconteranno come hanno fatto a far diventare realtà le proprie aspirazioni, superando paure, ostacoli, diffidenza.

Advertisement - Continue Reading Below

Noi vi offriamo alcuni spunti per recuperare la capacità di sognare suggeriti da Francesca Del Nero, life coach e fondatrice di School for Dreamers

1. Recuperare l'origine del sogno

Capita che le radici dei propri sogni, delle proprie aspirazioni, vengano perse di vista e con esse le motivazioni più profonde. Recuperare la capacità di sognare è dunque essenziale per assumere una più elevata consapevolezza di sé e delle proprie azioni. Questo vale per le persone ma altrettanto per le imprese. Anche all'origine di ogni idea imprenditoriale c'è un sogno. Se penso a "Gioia", il nome non sarà certo stato scelto a caso dall'editore: il titolo della testata rivela appieno l'intento originale e immagino abbia fatto e faccia da guida nelle scelte editoriali. Per qualunque azienda, rimettere al centro l'intento originario può essere vitale.

Più Popolare

2. Liberarsi dalle paure

L'ostacolo alla realizzazione dei propri sogni è la paura, madre di tutte le emozioni negative che ci fa provare rabbia, invidia, aggressività, impotenza. Può essere la paura del giudizio, dell'abbandono, del percepirsi come esseri pienamente consapevoli. Occorre andare all'origine di queste paure attraverso l'auto-osservazione e l'ascolto interiore, per arrivare a capire che il più delle volte noi stessi operiamo una sorta di "auto-sabotaggio", siamo noi a bloccarci a tenere i nostri sogni compressi. Nel proprio intimo, ciascuno di noi sa perfettamente cosa NON va bene, però, per vari motivi, magari per non uscire da una zona di comfort, preferisce accontentarsi e raccontarsi che tutto sommato non va così male. E' così che i sogni si offuscano. 

3. Cambiare attitudine verso gli eventi

Gli eventi della vita non si possono modificare, ma ciascuno di noi può modificare l'attitudine verso gli eventi. Persino una morte accidentale si può superare: invece di provare rabbia, emozione negativa che non aiuta a ad accettare un evento traumatico, si può scegliere di esprimere gratitudine per aver conosciuto o aver avuto al fianco quella persona. Non è facile, ma ci si può riuscire e porta un enorme sollievo. 

4. La realtà è il nostro specchio

Spesso abbiamo l'impressione che ci siano persone che ci ostacolano, alle quali attribuiamo la colpa dei nostri limiti. Per riprendere consapevolezza di noi stessi dobbiamo ammettere che gli altri sono il nostro specchio. Quando pensiamo di avere attorno solo persone sbagliate, è evidente che siamo noi a riversare sugli altri le nostre vibrazioni negative. È il momento di capire quanto sia importante cambiare il proprio punto di vista sulla vita, capovolgere la negatività. 

5. Riscoprire la condivisione

C'è un ulteriore aspetto da non trascurare per recuperare la capacità di sognare: è riscoprire la gioia del dare, che nasce da un sentimento d'amore ed è di grande nutrimento per l'essere. Può essere dare un sorriso, denaro o solo tempo per gli altri. Purché sia un dare incondizionato, libero da qualunque aspettativa, non inquinato. 

More from Gioia!:
La depressione post parto colpisce anche gli uomini
Emozioni
CONDIVIDI
La depressione post partum colpisce (anche) lui
Anche i neo-padri possono soffrire i sintomi del baby blues perché impreparati ad assumere la loro nuova identità
Emozioni
CONDIVIDI
In difesa delle lacrime al lavoro
Piangere in ufficio è l'ultimo dei tabù, quasi uno stigma sociale, e invece potrebbe essere un modo positivo per sviscerare problemi e...
Come combattere stress e fatica con la Mindfulness: 4 esercizi da fare in pausa pranzo
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: pausa pranzo antistress
Quando le vacanze sono ancora lontane bastano 15 minuti per ritrovare forza e serenità
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Emozioni
CONDIVIDI
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Controcorrente rispetto al consumismo apparentemente dominante, una nuova corrente di pensiero spinge, invece, ad accumulare meno, in virtù...
Emozioni
CONDIVIDI
«La sua famiglia è contro il nostro amore»
«Lei è la donna della mia vita, ma i suoi ci hanno fatto litigare»: coraggio cavaliere, 
la forza devi mettercela tu!
Emozioni
CONDIVIDI
La paura del giudizio altrui è come un mammut (che continua a ostacolarti la strada)
Secondo una teoria psicologica c'è un retaggio preistorico che ci fa cercare l'approvazione, ma si può domare!
Emozioni
CONDIVIDI
«Mi sembrava affascinante, ma è un narcisista»
«Parla solo di sé, io o un'altra, uguale, pur di farsi ammirare»: è solo un equivoco fra narcisisti, lui ha rovesciato il gioco
Emozioni
CONDIVIDI
5 mosse per trasformare una giornata iniziata male
Per tornare di buon umore basta seguire la regola delle 5R!
Emozioni
CONDIVIDI
«Appena mi chiama io corro, ma lui è ambiguo»
Tu dici che lui è disonesto, mentre tu sei tenera e fedele, ma poi si scopre che hai anche un marito e stai parlando del tuo amante
Emozioni
CONDIVIDI
Perché oggi più che mai l'accettazione del corpo è cruciale
Anche le celeb non sono immuni dalle critiche feroci intorno al loro corpo, vedi i casi recenti di Rihanna e Vanessa Incontrada: quando la...