10 modi per imparare a perdonarsi

Gli errori del passato vanno capiti, per poi liberarsene, non serve a nulla infliggersi infinite penitenze: ecco come fare per liberarsi

Più Popolare

Ci sono errori e manchevolezze che proprio non riesci a perdonarti. Ti provocano rabbia, rimorso e frustrazione. Al solo pensarci provi un senso di vergogna e l'unico rimedio ti sembra quello di auto-infliggerti una giusta punizione. Il ché può anche servire per espiare una colpa. Purché non duri in eterno. Perché arriva un giorno in cui devi chiudere i conti con il passato e perdonarti. Definitivamente. Ecco 10 modi per riuscirci. 

Advertisement - Continue Reading Below

1. Ammetti le tue colpe

Per avviarti sulla via dell'auto-perdono è bene che accetti le tue colpe. L'espediente di scaricare la responsabilità su altri non cancella quanto è accaduto e non fa altro che prolungare lo stato di disagio. Può essere un momento difficile, però è l'avvio necessario di un percorso di espiazione. 

2. Immagina come rifaresti ora quell'azione

Cerca di pensare a come rifaresti quell'azione oggi, con la nuova consapevolezza che hai maturato. Sarà facile prendere le distanze da quel momento, capire che oggi ti comporteresti in modo diverso, quindi che sei cambiata e che non ricadresti più nella stessa trappola. Oppure che quello che è successo era davvero inevitabile.

Più Popolare

3. Il rimorso ti aiuta a non ricascarci 

E' una morsa allo stomaco che ti provoca disagio, però il rimorso è una leale sentinella della tua coscienza che ti può aiutare a restare sulla buona strada e non ripetere gli errori del passato. 

4. Prendi consapevolezza di te stessa e dei tuoi valori

Agisci in modo coerente a quello in cui credi, a quello che sei (cosa ti fa stare bene, cosa desideri, a quali valori ti senti di aderire). Però, assicurati che siano i tuoi valori, i tuoi desideri, e non quelli dei tuoi genitori, del partner o degli amici, che magari vuoi solo compiacere. 

5. Accetta che il passato è passato

Il giudizio che dai di te stessa come persona non può essere fisso ad un momento di defaillance del passato. Per quanto grave possa essere stata quell'azione, non è possibile rimediare in nessun modo, non è possibile cambiare il corso degli eventi. E probabilmente hai fatto il meglio che potevi fare in quel momento.

6. Riconosci le tue imperfezioni

Se il senso di colpa nasce dall'essere andata contro le aspettative che avevi su te stessa… beh, sappi che nessuno è perfetto. Quella della perfezione è un'illusione che può portare solo dispiaceri. Anche vanità e l'orgoglio vanno tenuti a bada. 

7. Parlane con gli altri

E' certo meglio se non ti tieni tutto dentro. Ti fa bene parlarne con le persone che ti sanno essere vicine e non ti giudicano. Assumere altri punti di vista può aiutarti a smettere di rimuginare e vedere le cose con più distacco e oggettività.

8. Affronta la tristezza

E' una fase fisiologica, va attraversata, senza cercare di ricacciarla o scansarla. Può esserti d'aiuto fare rituali di auto-perdono, come scriverti una lettera o un racconto oppure creare un oggetto che simboleggi l'accaduto. 

9. Cerca di volerti più bene

"Il perdono è proporzionale alla capacità di amare", ha scritto Francois De La Rochefoucauld. Se è vero, per perdonarti occorre che tu ti voglia bene, che ti parli come faresti con una cara amica, che ti rivolgi attenzioni e cure, mettendo da parte la rabbia che covi contro te stessa.

10. Volta pagina

Il perdono non è rimozione, ma consapevolezza del cambiamento. Se ti sei imposta una penitenza per quello che hai fatto, probabilmente te la meriti, purché non duri in eterno. Se non finisce, rischi di rimanere bloccata nel passato, ma la vita va avanti. E' ora di voltare pagina. 

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Riconoscere un manipolatore è un esercizio di autodifesa. Come farcela? Un manuale ci aiuta
Essere manipolati psicologicamente da qualcuno capita a tante, ma perché succede? Un libro appena uscito cerca di spiegarlo
Emozioni
CONDIVIDI
È una certezza: alle donne gli uomini già impegnati piacciono di più. E il perché lo spiegano gli scienziati
La scienza ha finalmente spiegato perché gli uomini impegnati risultano più attraenti
Emozioni
CONDIVIDI
"Cara Barbara, mia sorella è invidiosa di me e parla male di mio marito. Perché vuole rovinarmi la vita?"
Lei vuole dividervi, distruggere la vostra intesa? Attenzione perché è capace di invidiarti anche le disgrazie. Sbattila fuori subito
Emozioni
CONDIVIDI
L'amore platonico o l'amore spirituale esiste ed è una cosa serissima (e il suo significato ne è la prova)
Un legame spirituale e senza desiderio carnale visto come elevazione dello spirito in una dimensione filosofica. Proviamo a capire meglio...
Emozioni
CONDIVIDI
10 compromessi che non dovresti mai e poi mai accettare in una relazione per non perderti
Scendere a patti fa parte dell'amore ma non dimenticarti chi sei, mai
Emozioni
CONDIVIDI
"Ho distrutto la vita a mio marito, ma non potevo fare diversamente. Sarei diventata una madre orrenda"
"Con la scusa di un altro me ne sono andata di casa": sei stata coraggiosa a mettere fine a una situazione non tragica eppure mortale
Emozioni
CONDIVIDI
E se sfogare la rabbia fosse controproducente? Meglio accettarla e trasformarla in energia positiva. Così
Non reprimere la collera ci isola dagli altri e si ritorce contro di noi: un monaco buddhista ci insegna a trasformare in energia positiva
Sguardo uomo
Emozioni
CONDIVIDI
Ricorda, c'è un ampio ventaglio di soluzioni tra essere invisibile e sentirsi minacciata da uno sguardo. Dal suo sguardo
Sentirsi addosso gli occhi di uno sconosciuto può dare fastidio o anche fare paura, ma in Scandinavia a volte si soffre di troppa freddezza
Emozioni
CONDIVIDI
Siamo sicuri di distinguere l'ansia produttiva da quella distruttiva? 5 errori emotivi che scatenano il panico
Nel mese di ottobre dedicato alla salute mentale, vi spieghiamo quali sono le parole della psicologia su cui facciamo più spesso confusione
Emozioni
CONDIVIDI
Quando l'amore di lui non è amore ma ossessione, un culto insensato pieno di rancore
Un uomo che ha per una donna un culto pieno di rancore, che potrebbe diventare violenza: per questo tanti uomini uccidono le ex