Contro le molestie sessuali, in Svizzera basta chiedere di Luisa

Non serve che chiedere "c'è Luisa?": con questa frase in codice, infatti, in una cittadina svizzera si attiva automaticamente un meccanismo di protezione che coinvolge il personale di bar, discoteche e locali pubblici che aderiscono all'iniziativa

Più Popolare

Qualunque notizia, anche se piccola e anche se circoscritta come in questo caso a una cittadina svizzera, è importantissima se arriva per dichiarare che qualcosa di concreto si sta facendo contro le molestie sessuali. Che, senza arrivare al dramma dello stupore, riguardano tutto ciò che un corpo femminile è costretto a ricevere di non desiderato e non richiesto, come giustamente ha sottolineato anche la pop star Taylor Swift citando in tribunale un dj che l'aveva palpeggiata. Già, le discoteche: inutile negare che, per quanto sia bellissimo, liberatorio e irrinunciabile andare a ballare, sono anche luoghi in cui è facile incappare in molestatori, magari brilli, magari proprio ubriachi fradici, magari un po' fatti, in ogni caso detestabili. Ecco, per distruggere sul nascere, in un momento come questa in cui l'abuso sul sesso femminile è al centro delle cronache, la possibilità che alle ragazze e signore accadano cose spiacevoli, nella città di Winterthur, nel Cantone di Zurigo, molti bar, club e discoteche hanno aderito a una semplice quanto geniale iniziativa.

Advertisement - Continue Reading Below

L'idea è questa: se una donna chiede "C'è Luisa?", allora sta facendo capire che, in realtà, sta chiedendo aiuto per uscire da una situazione potenzialmente pericolosa. A quel punto i dipendenti del locale, dai baristi ai buttafuori a camerieri e cameriere, sanno che dovranno intervenire con tempestività, mettendo al sicuro chi ha chiesto aiuto, informando la sicurezza, chiamando un taxi e, se necessario, la polizia. Ma come fanno, le ragazze, a sapere di poter contare su questo meccanismo anti molestia? Grazie a un adesivo esplicativo che viene attaccato all'ingresso o nei bagni delle donne. Così, dopo "Angela" di Germania e Regno Unito, e sulla sica del Québec, dove basta ordinare un cocktail chiamato Angelot, anche la Svizzera ha adottato quella che pare a tutti gli effetti una misura intelligente, da copiare all'istante.

Secondo Kajo Böni, portavoce dell'associazione bar e club di Winterthur, "il metodo Luisa presenta più vantaggi rispetto a una richiesta esplicita d'aiuto, poiché la ragazza molestata non deve pensare a come procedere e inoltre non attira l'attenzione, evitando che la situazione degeneri". Naturalmente, le persone che si sentono minacciate possono sempre rivolgersi al personale senza accennare a Luisa ma, sottolinea Alexander Bücheli, portavoce della Commissione Bar e Club di Zurigo, "la campagna è un complemento ideale e un messaggio chiaro sul fatto che la violenza sessuale non ha posto nella nostra società e nella vita notturna".

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Comportamento da Hikikomori e Neet: cosa vuol dire e da cosa dipende
L'Ordine degli Psicologi della Lombardia fail punto su una questione molto delicata
Emozioni
CONDIVIDI
"13" Punti di riflessione sul Cyber-Bullismo
Perché premere "PLAY" quando tuo figlio preme "REC"
Emozioni
CONDIVIDI
Come riuscire a sopravvivere a se stessi
Meditare non è mica facile, anzi, può portare a galla le nostre emozioni più profonde (e scomode)
Emozioni
CONDIVIDI
Come affrontare il cambiamento in 7 mosse
La vita deve essere vissuta con consapevolezza, puntando su questi cardini base che possiamo e dobbiamo gestire
Emozioni
CONDIVIDI
Di che cosa parlano le persone che si iscrivono al Forum dei brutti
C'è un luogo del web che ha deciso di dare libera voce e scambio di idee e consigli a tutti coloro che si considerano brutti, e, nell'epoca...
Mindfulness, respirazione consapevole per imparare a fermarsi
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: l'arte di imparare a fermarsi con la respirazione consapevole
Se scegliamo di fermarci, tutto andrà bene
Emozioni
CONDIVIDI
Perché avere una nonna per amica è la cosa più bella che ti possa capitare
Maestre di vita, confidenti, destinatarie di un affetto tenerissimo: le nonne (ma in realtà i nonni tutti) sono un punto di riferimento...
Il fenomeno cosplay è in costante crescita, scopriamo chi sono
Emozioni
CONDIVIDI
Quelli che giocano (e si travestono) da supereroi: il cosplay è solo un gioco o c'è dell'altro?
Il fenomeno del cosplay è in forte crescita, ma perché (anche) agli adulti piace travestirsi da supereroe? Abbiamo chiesto a uno...
Mindfulness: come avere successo senza stress
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: come avere successo senza stress
Carriera e vita senza stress non sono necessariamente in contrapposizione: puoi averle entrambe applicando 7 strumenti di consapevolezza
Emozioni
CONDIVIDI
Dieta della bella addormentata: quando le ragazze dormono per non mangiare
Ci sono quelle che prendono sedativi per stare sveglie 4 ore al giorno, e quelle a cui non servono perché tanto "sono stanche il 90% del...