Cos'é il Pull a Pig, fenomeno brutale che (in realtà) conosciamo benissimo

Oggi lo chiamano pull a pig ma giochi brutali, sessisti e crudeli come questo esistono da troppo tempo

Più Popolare

Da qualche tempo a questa parte quando vengono alla ribalta alcune notizie che riguardano azioni deplorevoli in men che non si dica salta fuori anche un qualche nome anglofono per identificarle, termine che non avevamo mai sentito prima ma che al tempo stesso ha decisamente molto appeal. A questo punto gli ingredienti sono tutti al posto giusto e il caso, anche grazie ai media che talvolta sono alla ricerca di indignazione facile e morbosità, può esplodere.

Advertisement - Continue Reading Below

Tutti ne parlano, per giorni e soprattutto sui social, ma dietro questo atteggiamento, che crea fazioni e scontri verbali così accesi da lasciare le tastiere dei pc agonizzanti, c'è un rischio: se da un lato si può ingigantire oltremodo la faccenda dall'altro la si può anche banalizzare, per poi ritrovarsi a distanza di tempo ad avere a che fare con lo stesso fenomeno, soltanto con un nome differente.

Più Popolare

Ci riferiamo in particolare al caso della giovane Sophie Stevenson, che quest'estate in vacanza in Spagna ha conosciuto Jesse Mateman. I due (così come la storia viene riportata) passano la notte insieme e a distanza di qualche mese Sophie decide di prendere un aereo per rivedere il ragazzo nella sua città, Amsterdam, spendendo anche una grossa cifra per il viaggio. Purtroppo, una volta arrivata nella capitale olandese, le arriva addosso una doccia gelata: non solo Jesse non si è fatto vedere in aeroporto e non ha risposto alle sue telefonate, le ha anche inviato un messaggio.

You were pigged, it was a joke

Era tutto uno scherzo quindi: Sophie sarebbe soltanto stata vittima di un crudele gioco chiamato pull a pig, una specie di gara tra amici (maschi) in cui vince chi riesce a portarsi a letto la ragazza più brutta o quella più grassa.

Se questo scherzo, anche se definirlo tale è riduttivo, è stato in qualche modo divertente sicuramente lo è stato solo all'inizio, perché Jesse a distanza di qualche giorno dalla diffusione della storia ha raccontato di aver ricevuto numerose minacce, ha detto di non conoscere questo gioco e ha anche ingaggiato un avvocato per difendersi. Nel suo comunicato il legale ha spiegato che Mateman da quella notte non ha più avuto contatti con la ragazza, per cui in parole povere non è stato niente di serio, che il messaggio che è stato reso noto ai media non è stato inviato dal suo assistito, e che soprattutto in quelle poche parole non c'è nessun riferimento a nessun gioco, men che meno al pull a pig.

Non sappiamo come andrà a finire la vicenda, ma una cosa è certa: il pull a pig esiste e ha numerose varianti (come ad esempio il fat girl rodeo, di cui parlava già l'Independent nel 2013). Sono tutti fenomeni che affondano le loro radici nella notte dei tempi e che continuano a ripresentarsi perché riescono a cambiare sempre volto e nome. Ma hanno un punto in comune: a dar loro forza, come sempre, sono il sessismo e il maschilismo più becero, così profondamente ancorati alla nostra cultura.

Chi trova divertimento da queste umiliazioni pubbliche, dai giovani studenti agli affermati professionisti, non si rende mai conto di quello che sta facendo, della portata delle sue azioni e delle loro conseguenze. Inoltre, cosa ancora più orribile, il corteggiamento e il sesso vengono usati come un'arma per offendere un'altra persona, che evidentemente ai loro occhi appare solo come un oggetto, senza emozioni e sentimenti, che non merita considerazione. Quando in realtà sono tutte mortificazioni che possono minare profondamente l'autostima e che lasciano un segno profondo in chi ne cade vittima.

Proprio per questo è necessario non tacere e trovare la forza per parlarne, cercando anche di abbandonare quel senso di vergogna per esserci cascata. L'importante però è che l'argomento venga trattato con le parole giuste, senza etichettare questi atti di bullismo (perché di questo si tratta) solo come nuove mode del web o giochi, espressioni sensazionalistiche che rischiano di farceli percepire come qualcosa di finto o che non ci riguarda, quando in realtà sono (o sono stati), in ogni loro forma, ben presenti nella vita di molte di noi.

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Panico totale da colloquio in inglese? 4 consigli per affrontarlo con sicurezza e senza ansia
Prima di tutto, niente panico; poi, se volete affrontare nel migliore dei modi un colloquio in inglese, leggete i nostri consigli e...
Emozioni
CONDIVIDI
Comportamento da Hikikomori e Neet: cosa vuol dire e da cosa dipende
L'Ordine degli Psicologi della Lombardia fail punto su una questione molto delicata
Emozioni
CONDIVIDI
"13" Punti di riflessione sul Cyber-Bullismo
Perché premere "PLAY" quando tuo figlio preme "REC"
Emozioni
CONDIVIDI
Come riuscire a sopravvivere a se stessi
Meditare non è mica facile, anzi, può portare a galla le nostre emozioni più profonde (e scomode)
Emozioni
CONDIVIDI
Come affrontare il cambiamento in 7 mosse
La vita deve essere vissuta con consapevolezza, puntando su questi cardini base che possiamo e dobbiamo gestire
Emozioni
CONDIVIDI
Di che cosa parlano le persone che si iscrivono al Forum dei brutti
C'è un luogo del web che ha deciso di dare libera voce e scambio di idee e consigli a tutti coloro che si considerano brutti, e, nell'epoca...
Mindfulness, respirazione consapevole per imparare a fermarsi
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: l'arte di imparare a fermarsi con la respirazione consapevole
Se scegliamo di fermarci, tutto andrà bene
Emozioni
CONDIVIDI
Se ti molestano in discoteca, chiedi di Luisa
Per le avventrici di locali e club del Cantone svizzero di Zurigo d'ora in poi sarà sufficiente chiedere di una certa Luisa per far sì che...
Emozioni
CONDIVIDI
Perché avere una nonna per amica è la cosa più bella che ti possa capitare
Maestre di vita, confidenti, destinatarie di un affetto tenerissimo: le nonne (ma in realtà i nonni tutti) sono un punto di riferimento...
Il fenomeno cosplay è in costante crescita, scopriamo chi sono
Emozioni
CONDIVIDI
Quelli che giocano (e si travestono) da supereroi: il cosplay è solo un gioco o c'è dell'altro?
Il fenomeno del cosplay è in forte crescita, ma perché (anche) agli adulti piace travestirsi da supereroe? Abbiamo chiesto a uno...