Demisessualità: cos'è e cosa significa esserlo

Le cose da sapere sulla demisessualità, ovvero quell'orientamento sessuale che prevede la nascita di un vero sentimento prima dell'attrazione fisica

Più Popolare

E non c'è sesso senza amore, cantava un illuminato Antonello Venditti. E certo la sua Ricordati di me troverebbe consensi tra chi si riconosce nella demisessualità. Nel caso in cui non lo sappiate, si è deciso, con criterio, di trovare una definizione anche per alcuni orientamenti sessuali fino a oggi ignorati (o quasi). Ma partiamo, per chiarire fin da subito in che ambito ci si sta muovendo, dalla definizione che ci fornisce asexuality.org.: «I demisessuali sono persone che non provano attrazione sessuale se non formano un profondo legame emotivo». Attenzione: non sono quindi né persone non interessate né persone che rifiutano il sesso, e neppure persone che hanno gusti o richieste particolari da soddisfare a letto, molto più semplicemente, se vogliamo vederla in un'ottica "rilassata", la demisessualità prevede la componente romantica perché si instauri anche quella fisica e intima.

Advertisement - Continue Reading Below

Ergo: il demisessuale può provare attrazione sessuale ma solo verso persone con cui ha formato un legame profondo e intenso. I demisessuali, solitamente, provano quella che viene definita come attrazione sessuale secondaria, vale a dire scaturita da un sentimento, ma non provano attrazione sessuale primaria, e cioè quella che scatta anche solo al primo sguardo. Non si tratta dunque di individui che stanno aspettando il momento giusto per avere relazioni per convinzioni sociali, personali, morali o religiose. Al contrario, i demisessuali sentono attrazione solo nel momento in cui incontrano una persona molto affine a loro e, nel momento in cui si rompe questo legame emozionale, sparisce anche l'attrazione fisica.

Che vi riconosciate o meno in questo orientamento sessuale, sappiate che questo non vi cambia come persone, ovviamente, ma forse sapere della sua esistenza (e, magari, ritrovarsi) può aiutare a sentirsi meno soli e a comprendersi, finalmente, nella propria completezza.

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Panico totale da colloquio in inglese? 4 consigli per affrontarlo con sicurezza e senza ansia
Prima di tutto, niente panico; poi, se volete affrontare nel migliore dei modi un colloquio in inglese, leggete i nostri consigli e...
Emozioni
CONDIVIDI
Comportamento da Hikikomori e Neet: cosa vuol dire e da cosa dipende
L'Ordine degli Psicologi della Lombardia fail punto su una questione molto delicata
Emozioni
CONDIVIDI
"13" Punti di riflessione sul Cyber-Bullismo
Perché premere "PLAY" quando tuo figlio preme "REC"
Emozioni
CONDIVIDI
Come riuscire a sopravvivere a se stessi
Meditare non è mica facile, anzi, può portare a galla le nostre emozioni più profonde (e scomode)
Emozioni
CONDIVIDI
Come affrontare il cambiamento in 7 mosse
La vita deve essere vissuta con consapevolezza, puntando su questi cardini base che possiamo e dobbiamo gestire
Emozioni
CONDIVIDI
Di che cosa parlano le persone che si iscrivono al Forum dei brutti
C'è un luogo del web che ha deciso di dare libera voce e scambio di idee e consigli a tutti coloro che si considerano brutti, e, nell'epoca...
Mindfulness, respirazione consapevole per imparare a fermarsi
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: l'arte di imparare a fermarsi con la respirazione consapevole
Se scegliamo di fermarci, tutto andrà bene
Emozioni
CONDIVIDI
Se ti molestano in discoteca, chiedi di Luisa
Per le avventrici di locali e club del Cantone svizzero di Zurigo d'ora in poi sarà sufficiente chiedere di una certa Luisa per far sì che...
Emozioni
CONDIVIDI
Perché avere una nonna per amica è la cosa più bella che ti possa capitare
Maestre di vita, confidenti, destinatarie di un affetto tenerissimo: le nonne (ma in realtà i nonni tutti) sono un punto di riferimento...
Il fenomeno cosplay è in costante crescita, scopriamo chi sono
Emozioni
CONDIVIDI
Quelli che giocano (e si travestono) da supereroi: il cosplay è solo un gioco o c'è dell'altro?
Il fenomeno del cosplay è in forte crescita, ma perché (anche) agli adulti piace travestirsi da supereroe? Abbiamo chiesto a uno...