Contro la violenza sulle donne c'è una sola soluzione: la cultura del rispetto

La criminologa esperta di violenza psicologica Cinzia Mammoliti spiega i meccanismi che portano allo schema tipico di una relazione malata (e anche come uscirne)

Più Popolare

Il femminicidio si può prevenire. E c'è chi lavora intensamente perché una nuova cultura delle relazioni improntata sull'educazione alla parità di genere si sviluppi sempre di più. L'associazione Global Humanitaria Italia Onlus circa un anno fa ha creato il progetto «La violenza psicologica uccide. Fermiamola ora!», con un numero di telefono antiviolenza psicologica (848 808 838) che mette a disposizione delle vittime tutor esperti e specialisti come psicologi, avvocati e psicoterapeuti. L'obiettivo è creare un network di sostegno (dedicato a donne, uomini e bambini) sempre più esteso a partire da Lombardia, Piemonte e Liguria. L'opuscolo dell'associazione lo scrive a chiare lettere: «Spesso la violenza fisica e l'omicidio sono solo l'ultimo stadio di un percorso che ha origine sempre dalla violenza psicologica. Ed è da qui che si deve partire se si vuole fermare un fenomeno in continua crescita».

Advertisement - Continue Reading Below

Coautrice del progetto, la criminologa, consulente, ricercatrice e docente di psicologia Cinzia Mammoliti, autrice tra gli altri dei libri I serial killer dell'anima e I manipolatori sono tra noi: come riconoscerli, come evitarli e come difenderci da loro. Cinzia è tra i massimi esperti nazionali in materia di violenza psicologica e manipolazione relazionale, ecco l'intervista in cui ci racconta la sua esperienza e ci dà le chiavi per comprendere e gestire meglio queste situazioni, che (spesso celate dietro una patina di normalità) si manifestano in tutti i contesti sociali.

Più Popolare

Come sei arrivata alla decisione di occuparti di violenza? In quale momento hai deciso che quella era la tua strada?

Dopo aver lavorato per diversi anni nell'educativa, col disagio di minori e adulti, osservando da vicino le dinamiche endofamiliari e la sofferenza che ne può derivare. Ma non solo le famiglie disagiate arrecano sofferenza agli individui. Anche le altre. Ho capito nel corso degli anni che le relazioni più violente riguardano le persone tra loro più vicine e il senso di giustizia innato che ho mi ha portata a schierarmi e lavorare per i più deboli e meno tutelati.

Qual è lo schema relazionale più frequente che hai incontrato con la tua attività?

Quello della dipendenza affettiva. Un/a maltrattante coi tratti tipici del manipolatore relazionale (e cioè arroganza, bisogno di controllo della relazione, menzogna, mancanza di empatia) e una vittima che si lega al soggetto disturbato e disturbante in maniera ossessiva. I due entrano in una dinamica malata e perversa che lascia perennemente la vittima depauperata energeticamente e spesso talmente traumatizzata da sviluppare problematiche serie per la sua salute.

Esiste una caratteristica particolare tipica di tutte le vittime?

Una caratteristica tipica è l'empatia. La vittima è portata a restare nella relazione disfunzionale in cui dà tutta se stessa in cambio di briciole perché tende a giustificare sempre il proprio persecutore. Nella versione più estrema, nei casi di iper empatia entriamo nella vera e propria sindrome della crocerossina, ossia «Io ti salverò».

L'empatia ora va di moda, viene molto spinta come valore sano da coltivare, io penso che vada però calibrata e sicuramente chi è portato ad essere empatico fa molta fatica a «dosarla» nel modo giusto, che ne pensi? Ci sono dei modi per non essere *troppo* empatici ed evitare che altri se ne approfittino?

Praticando un pò di sana auto-consapevolezza, prendendo contatto con i propri limiti e imparando a mettere paletti e confini. Sviluppando un sano egoismo che porti a occuparsi in primis di sé e del proprio benessere emotivo e poi degli altri. Laddove questa auto-consapevolezza non si dovesse riuscire a praticare da soli suggerisco un supporto terapeutico.

Hai conosciuto abusatori pentiti? Come ne sono usciti?

Personalmente non ne ho conosciuti. Quando chiedono aiuto spesso fingono. Lo fanno quando può far loro gioco in sede giudiziale o in fase di separazione quando si discute riguardo all'affidamento dei figli.

Quindi l'unica via è chiudere definitivamente la relazione malata? In seguito può capitare che con altre persone si instaurino schemi relazionali più sani? O lo schema resta fisso con tutti?

Sì certo, l'unica via è chiudere. Anche se a volte ci vogliono anni. Ci sono abbandoni, poi rientri, poi ancora abbandoni. Un'agonia. Talvolta si assiste alla coazione a ripetere. Molte persone replicano i noti schemi disfunzionali cercando e trovando soggetti perennemente inadeguati nella speranza di riparare in qualche modo il passato, altre instaurano schemi più sani. Ma è difficile che ciò avvenga senza aver fatto un profondo lavoro su sé stessi.

Le donne abusano gli uomini? In che modo?

Le donne abusano sotto il profilo psicologico esattamente come fanno gli uomini. Manipolano, ricattano psicologicamente, colpevolizzano, denigrano e umiliano. Alcune picchiano pure.

Secondo la tua esperienza, in questi casi come reagiscono gli uomini?

Soffrono in silenzio, le tutelano, non si espongono, provano molta vergogna.

È giusto parlare con i bambini/ragazzi del femminicidio e di quello che sta accadendo a livello sociale? Ti è capitato di parlarne nelle scuole?

Certo che è giusto. Bisognerebbe partire dai primi anni di vita dei bambini a sensibilizzare per una cultura del rispetto in cui non possano avere la meglio la maleducazione e la prepotenza. Ho lavorato molto con le scuole, soprattutto in passato, trovando una buona risposta alle tematiche trattate sia da parte dei docenti che dei ragazzi.

Cosa si può fare o dire per trasmettere un senso di fiducia reciproca uomo/donna nelle nuove generazioni?

Insisto sulla diffusione di una cultura del rispetto. Credo si debba uscire una volta per tutte dagli stereotipi che portano a pensare che la violenza riguardi un solo sesso o un'unica categoria di persone. La violenza è un fenomeno trasversale che riguarda tutti e va combattuto unendo le forze, che bisogna imparare a spezzare il muro dell'omertà e denunciare anche se si tratta di persone molto vicine a noi, che bisogna collaborare a una sensibilizzazione di tutti perché tutti capiscano che subire la prepotenza e l'arroganza altrui è sbagliato.

More from Gioia!:
Come smettere di essere negativi
Emozioni
CONDIVIDI
5 strategie per dire addio alle preoccupazioni
La numero 3 sembra scontata ma a una condizione
Ecco come resistere alle tentazioni
Emozioni
CONDIVIDI
Più forte di ogni tentazione
Impara ad esercitare la tua forza di volontà di fronte a tentazioni che potrebbero crearti grossi guai, ecco come
Mindfulness meditazione camminata e gestione del tempo
Emozioni
CONDIVIDI
Come imparare a gestire meglio il proprio tempo?
Con la meditazione camminata imparerai a vivere ogni momento con intensità e pienezza trasformando i momenti normali in significativi
Emozioni
CONDIVIDI
5 mosse per trasformare una giornata iniziata male
Per tornare di buon umore basta seguire la regola delle 5R!
Imparare a dire di no per vivere meglio
Emozioni
CONDIVIDI
Come imparare a dire di no e vivere meglio
Dire di no rafforza il carattere, sviluppa il dialogo, modella l'autonomia perché non significa rifiutare l'altro, ma affermare se stessi
Emozioni
CONDIVIDI
Andare in vacanza è importante, ma se non si riesce come si può staccare veramente?
Un team di esperti ha sottolineato che le ferie sono utili sia al dipendente che al datore di lavoro
Mindfulness: far durare l'effetto positivo delle vacanze con la meditazione camminata
Emozioni
CONDIVIDI
Come far durare a lungo l'effetto positivo delle vacanze?
Cammina per il puro gusto di camminare e le vacanze ti serviranno davvero per rigenerarti
Emozioni
CONDIVIDI
Vuoi essere felice? Non devi cambiare lavoro, né città, ma il tuo atteggiamento
Cambia atteggiamento verso il mondo, guarda tutto con occhi nuovi e acquisisci positività: in questo modo rischierai davvero di essere...
Emozioni
CONDIVIDI
Perché non ti dovrebbe interessare affatto di chi lui segue su Instagram
La gelosia digitale è un male moderno che può e deve essere guarito, perché tutti quei mi piace a delle sventole in foto non sono la realtà...
Bassa statura nano il Trono di spade Tyrion Lannister Peter Dinklage
Emozioni
CONDIVIDI
Ti sfottono per la statura? Fai come il nano del Trono di spade
«Sono un matematico stimato, ma basso: da sempre, solo risatine e commenti»: segui l'esempio di Peter Dinklage, alias Tyrion Lannister