Resilienza: impara ad allenarla come se fosse un muscolo

Sheryl Sandberg, direttrice operativo di Facebook, ha raccontato in un libro la perdita del marito e la sua volontà di affrontare il dolore e il terribile periodo del lutto

Più Popolare

Sheryl Sandberg è un'imprenditrice e politica americana, attuale direttrice operativo di Facebook. Nel 2015 è rimasta vedova quando il marito David Goldberg, da cui ha avuto due figli, è morto durante un incidente domestico.

Sheryl Sandberg ha deciso di rivolgersi al professore di psicologia Adam Grant per scoprire se aveva la resilienza necessaria per sopportare il dolore che stava vivendo. E ha scoperto che la resilienza, la capacità di una persona di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà, è come un muscolo e deve essere allenata. E così lei e Grant hanno scritto il libro Option B: Facing Adversity, Building Resistance And Finding Joy, ed ecco cosa possiamo imparare dalla loro esperienza, raccontata a forbes.com.

Advertisement - Continue Reading Below

1. Vietato: Personalizzazione, Pervasività, Permanenza

Dopo aver trascorso decenni a studiare il modo in cui le persone affrontano i periodi difficili, lo psicologo Martin Seligman ha scoperto che tre P possono arrestare il recupero: la Personalizzazione, la convinzione che siamo in difetto, la Pervasività, la certezza che un evento drammatico interesserà tutti i settori della nostra vita e la Permanenza, l'idea che le scosse di assestamento dell'evento dureranno per sempre.

Più Popolare

2. Vietato l'isolamento

Sandberg, normalmente molto socievole con i suoi colleghi di Facebook, non ha parlato della morte di suo marito quando è tornata al lavoro. La solitudine della sua perdita è stata aggravata dalla distanza che ha instaurato tra lei ed i suoi colleghi e amici. E loro non sapevano come comportarsi. E Sandberg si è isolata sempre di più. Poi, ad un certo punto, ha deciso di scrivere un post su FB e ha condiviso il suo dolore e i suoi sentimenti. Parlare degli eventi traumatici che ci hanno colpito migliora la salute mentale e fisica, aiutando le persone a comprendere le nostre emozioni.

3. Fare del bene

Per aiutare Sandberg a ricostruire la fiducia in se stessa, Grant le ha suggerito di scrivere ogni sera tre cose belle fatte durante il giorno. E così, per sei mesi, Sandberg ha compilato sua lista. E capiamo subito la differenza: non si tratta di ringraziare, la gratitudine è passiva, i contributi sono attivi. Dobbiamo costruire la nostra fiducia ricordandoci che siamo in grado di fare la differenza, anche con piccoli gesti quotidiani.

4. Prestare attenzione alla gioia

Molte persone che hanno perso un caro soffrono del rimorso del sopravvissuto: «Perché io sono ancora vivo?» si chiedono. E quando si comincia a provare un po' gioia, ci si sente in colpa. Ma bisogna accettare questi momenti, anche per il bene di chi ti sta intorno (i figli, ad esempio). I momenti di felicità danno forza, non dobbiamo allontanarli.

More from Gioia!:
Saper ascoltare gli altri è una vera arte
Emozioni
CONDIVIDI
Impara ad ascoltare e la tua vita (oltre che le tue relazioni) cambierà
Chi sa ascoltare senza interrompere e senza la pretesa di giudicare riesce a entrare meglio in empatia con le persone, quindi migliora le...
Emozioni
CONDIVIDI
Come passare dalla sveglia al risveglio
Ogni mattina, quando riaccendi la tua coscienza mentale, ti ricordi di accendere prima il corpo?
Chirurgia estetica viso: non riconosco più mia moglie dopo l'intervento
Emozioni
CONDIVIDI
«Mia moglie si è rifatta: non la riconosco»
Tornare con un'altra faccia è un brutto scherzo per chi ci ama, ma a lei serviva un gesto di indipendenza
Emozioni
CONDIVIDI
Se è lui a non voler fare l'amore
Dover fare i conti con un rifiuto può toccare anche a noi donne, ma, senza farne una tragedia, si possono capire insieme le ragioni dietro...
Emozioni
CONDIVIDI
Contro la violenza sulle donne c'è una sola soluzione: la cultura del rispetto
La criminologa esperta di violenza psicologica Cinzia Mammoliti spiega i meccanismi che portano allo schema tipico di una relazione malata...
Emozioni
CONDIVIDI
5 frasi da non dire a un'amica a dieta
Anche un «stai benissimo» detto con troppo slancio potrebbe far intendere che prima, la poveretta, fosse inquadrabile, quindi, se siete...
Emozioni
CONDIVIDI
Digital detox: 10 dritte per vacanze offline
Disconnettersi? Si può (e ti sveliamo come)
amore come un altalena uomo che fugge
Emozioni
CONDIVIDI
«Il suo amore è un'altalena: devo credergli?»
«Dopo 3 anni, mi dice che non è pronto»: se ti ama, ma per natura è un fuggitivo, potete amarvi anche così
Emozioni
CONDIVIDI
«Le nozze sono vicine, ma io voglio scappare»
Fai ancora in tempo, se riesci a fare un salto mortale scavalcando regali, bomboniere e il triste compromesso in cui sei invischiata
Emozioni
CONDIVIDI
Come imparare a controllare la fame
La prova costume è arrivata e, con essa, l'ansia per il non sentirsi in forma: per arginare facili consolazioni nel cibo, scopri gli...