Ma Belle soffriva della sindrome di Stoccolma? Secondo Emma Watson no

Secondo una teoria piuttosto diffusa, la protagonista di La Bella e la Bestia si innamora a causa del rapporto che talvolta si instaura tra rapito e rapitore, ma l'attrice sostiene che non è così: ma sai che cos'è la sindrome di Stoccolma?

Più Popolare

Succede da tempo: secondo alcune feroci critiche, nella fiaba La Bella e la Bestia, Belle non si innamora della Bestia perché riesce ad andare oltre le apparenze, ma molto più prosaicamente perché è vittima della sindrome di Stoccolma. Ma Emma Watson - protagonista del film Disney in live action al cinema dal 16 marzo e ardente femminista - non ci sta e dice la sua.

«È un tema su cui inizialmente mi sono davvero fatta delle domande», ha detto Emma Watson a Entertainment Weekly, «ma mi sono resa conto che Belle non ha nessuna delle caratteristiche di una persona colpita da sindrome di Stoccolma perché lei mantiene la sua indipendenza, la sua libertà di pensiero». Insomma, secondo l'attrice, il suo personaggio è troppo forte mentalmente per diventare vittima di una sindrome che colpisce a livello psicologico. E agisce sempre in totale autonomia, fa le sue scelte: restare, andare a cena con la Bestia - ma senza sentirsi una sua prigioniera - e contestarla quando necessario.

Advertisement - Continue Reading Below

Più Popolare

Ma che cos'è la sindrome di Stoccolma?

Tutto ha inizio il 23 agosto 1973 in una banca di Stoccolma, dove due rapinatori armati prendono in ostaggio nel caveau per 131 ore 4 ostaggi, 3 donne e un uomo, che vengono liberati il 28 agosto. Come spiegano gli esperti di Il Vaso di Pandora - onlus nata per aiutare le vittime di un trauma da abuso fisico, sessuale o psicologico - dopo la liberazione gli ostaggi mostrano un atteggiamento scioccato ma rivelano anche di aver stabilito un legame emotivo positivo con i loro carcerieri fino al punto di temere l'arrivo della polizia. Incredibilmente, una delle donne si fidanzerà con uno dei rapinatori e un'altra istituisce un fondo per aiutarli nel processo.

Quali sono i meccanismi psicologici della sindrome di Stoccolma?

Come avviene che la vittima di una violenza, sia essa fisica o psicologica, sviluppa una dipendenza affettiva dal suo carnefice? Naturalmente la Sindrome di Stoccolma nasce in modo involontario, ma si tratta di un tentativo per sopravvivere a una situazione minacciosa e controllante. Dicono gli esperti di Il Vaso di Pandora: «Le vittime provano a sopravvivere. Per loro è l'unica soluzione, involontaria come la dissociazione, alla quale la mente ricorre per salvarsi da una situazione insostenibile. La loro personalità sviluppa le emozioni e i pensieri necessari per far fronte alla situazione e abbassare i rischi emotivi e fisici. La Sindrome di Stoccolma produce un rapporto malsano con l'abusante ed è uno dei motivi per cui le vittime continuano ad avere un legame con il carnefice e a vederne "il lato buono", sviluppando empatia per qualcuno che invece le ha mentalmente, e a volte anche fisicamente, abusate».

In pratica, proseguono gli esperti, si tratta di un meccanismo di difesa: la vittima preferisce, non di sua volontà, amare colui che abusa piuttosto che odiarlo, per non affrontare la sensazione d'impotenza e senza via d'uscita - se non la morte o un dolore insopportabile - della situazione drammatica in cui si trova e per sentirsi, paradossalmente, al sicuro.

Perché la sindrome di Stoccolma non c'entra con La Bella e la Bestia?

Insomma, viste le spiegazioni degli esperti, nulla a che vedere con la Belle di Emma Watson, protagonista di una storia d'amore che inizia con una forte amicizia, forse più sana di tante altre storie romantiche, perché nasce senza le illusioni del colpo di fulmine e senza inganni, ha spiegato l'attrice: Belle e la Bestia si mostrano fin dall'inizio per quello che sono, e tireranno fuori il meglio di sé.

Guarda Emma Watson cantare nell'ultima clip estesa del film Disney (è davvero bravissima!) e nell'ultimo trailer ufficiale in italiano di La Bella e La Bestia: noi non vediamo l'ora che sia il 16 marzo, e tu?

More from Gioia!:
Sguardo uomo
Emozioni
CONDIVIDI
Ricorda, c'è un ampio ventaglio di soluzioni tra essere invisibile e sentirsi minacciata da uno sguardo. Dal suo sguardo
Sentirsi addosso gli occhi di uno sconosciuto può dare fastidio o anche fare paura, ma in Scandinavia a volte si soffre di troppa freddezza
Emozioni
CONDIVIDI
Siamo sicuri di distinguere l'ansia produttiva da quella distruttiva? 5 errori emotivi che scatenano il panico
Nel mese di ottobre dedicato alla salute mentale, vi spieghiamo quali sono le parole della psicologia su cui facciamo più spesso confusione
Emozioni
CONDIVIDI
Quando l'amore di lui non è amore ma ossessione, un culto insensato pieno di rancore
Un uomo che ha per una donna un culto pieno di rancore, che potrebbe diventare violenza: per questo tanti uomini uccidono le ex
Emozioni
CONDIVIDI
Amore a distanza ovvero: "se non mi risponde subito al telefono mi viene l'ansia. Chiamo l'analista?"
Le nuove tecnologie sono nemiche dell'amore, meglio che uno dei due cerchi attivamente un lavoro nella città dell'altro
Emozioni
CONDIVIDI
Se lui ti ama ma non ti bacia, che problemi ha? O che problemi hai tu
Nel linguaggio amoroso il bacio è forse più appassionante di un rapporto completo: lui amerà baciarti quando vi accoglierete davvero
Emozioni
CONDIVIDI
12 ragioni per cui sei single anche se sei una bomba atomica (ma perché?!?)
Essere bellissima, in gambissima e magari anche indipendente ti fa essere 1 molto esigente 2 poco avvicinabile
Emozioni
CONDIVIDI
"Scommessa" più sicura? Perché ci sono donne (e ci sono!) che preferiscono gli uomini già impegnati
Esiste un motivo quasi scientifico per cui gli uomini già sposati o con relazioni sono più desiderabili dei single
Emozioni
CONDIVIDI
Perché piango sempre? La risposta definitiva a una keyword epica
Triste? Un po'. Curioso? Molto.
Emozioni
CONDIVIDI
"Il metodo danese fa crescere i bambini felici e rende i genitori persone serene. È una filosofia che dovreste praticare tutti"
Un libro, molte candele e tanta consapevolezza
Emozioni
CONDIVIDI
Panico totale da colloquio in inglese? 4 consigli per affrontarlo con sicurezza e senza ansia
Prima di tutto, niente panico; poi, se volete affrontare nel migliore dei modi un colloquio in inglese, leggete i nostri consigli e...