6 acconciature e stili di capelli per chi è pigra

Se spendere 45 minuti al giorno per sistemarti i capelli non fa per te, ecco le acconciature e le soluzioni di colore che devi tener presente, perché sono poco impegnative e non necessitano di troppa manutenzione, ma sono davvero cool

Hai presente quelle donne che quando si alzano, ogni mattina, si lavano i capelli e poi si mettono d'impegno per arricciarli o stirarli, dedicando a questa operazione anche 45 minuti? Ecco, questa non sei tu. E, diciamolo, non lo è nemmeno la maggior parte di noi.

Spesso darsi una sistemata ai capelli prima di far colazione o prendere appuntamento dal parrucchiere ogni 6 settimane è tutto il tempo che possiamo dedicare a questa parte del nostro corpo. Allora abbiamo chiesto ad alcuni hairstylist professionisti di dirci quali sono le tendenze di tagli, colori e stili di quest'anno che non richiedono un sacco di manutenzione. Perché non c'è nulla da vergognarsi a essere un po' pigre ogni tanto!

Advertisement - Continue Reading Below

1 La coda spettinata

Per coloro che hanno fatto ricorso ai ricci una volta di troppo ma non vogliono comunque avere i capelli troppo lisci, ecco la soluzione ideale, soprattutto per la primavera. La «coda di cavallo spettinata» o off-duty pony, come la chiama l'hairstylist Jen Hatkin, è una coda di cavallo alta che risulta morbida e piena e richiede solo un paio di minuti per essere realizzata.

Advertisement - Continue Reading Below

2 Le nuove mèches «babylights»

Una delle grandi tendenze dei capelli del 2015, ma ancora attuale, è quella delle babylights, le mèches per scolorire i capelli: una soluzione molto amata, perché si porta facilmente e richiede poca manutenzione. «Sono riflessi molto soft che delicatamente ammorbidiscono le radici dei capelli dalla coloritura solida», spiega Devin Toth del Salon Sck e ambasciatrice di Rowenta. I babylights sono perfetti per quelle donne che vogliono avere sempre uno splendido look che comunque richieda solo un paio di incontri l'anno con il parrucchiere per il colore.

Advertisement - Continue Reading Below

3 Chignon easy

Un'acconciatura pratica e semplicissima da realizzare: «Dividete i capelli in 4 sezioni, quindi ruotatene ognuna per formare un nodo», spiega Gabriel Samra, soprannominato il «mago della bellezza». «Sistemate e fissate ogni nodo, poi tirateli uno per uno delicatamente per allentarli, concludendo con una spruzzata di lacca per fermare il tutto».

Advertisement - Continue Reading Below

4 Balayage

Se siete alla ricerca di uno stile disinvolto, provate il balayage, la scoloritura che dona una lucentezza naturale ai capelli. «Sempre più popolare ogni anno, nel 2016 lo sarà ancora di più», afferma Samra. «Richiede veramente poca manutenzione perché il colore cresce molto più naturalmente rispetto alla classica tinta che, essendo più definita, fa intravedere subito la ricrescita». Un look naturale senza troppo lavoro? Ma certo che sì!

Advertisement - Continue Reading Below

5 Lo chignon infinito

Se avete i capelli alla Raperonzolo probabilmente sarete abituate a portare una coda di cavallo o qualcosa di simile, ma ci sono molti altri stili adatti a voi, come questo splendido chignon infinito. «Per realizzarlo si devono tirare i capelli come per la coda di cavallo e poi avvolgerli», spiega sempre Samra. «Prendete la sezione di destra della coda di cavallo e ruotatela in senso orario, avvolgetela intorno a un elastico per formare un anello e fermatela. Prendete quindi la sezione sinistra e fate la stessa cosa, solo ruotandola nella direzione opposta, infine fermatela. Date un'ultima sistemata ai capelli per dare loro una forma che ricordi il simbolo dell'infinito e fissateli definitivamente.

Advertisement - Continue Reading Below

6 Lob forever

Queste celebs mostrano che il lob non passerà certo di moda nel 2016. «Una via di mezzo tra il corto e il lungo, la cui bellezza sta nella versatilità e nella possibilità di essere portato in diversi modi», sottolinea Samra. È la lunghezza giusta per ogni tipo di stile: ricci, dritti e mossi, a seconda dell'occasione..

More from Gioia!:
Colpi di sole: meglio biondi, ramati o mogano?
Capelli
CONDIVIDI
Colpi di sole: meglio biondi, ramati o mogano?
I colpi di sole donano ai capelli mille sfumature intense ma naturali che sia biondi, ramati o mogano sanno essere (sempre) la scelta giusta
Bob lungo: come adattarlo al viso
Capelli
CONDIVIDI
Sai come adattare al tuo viso il bob lungo?
Taglio trendy dell'inverno, il carré si presta a molte varianti, parola di hair stylist e di stilisti
Capelli al mare, come proteggerli in estate consigli esperti
Capelli
CONDIVIDI
Con la testa in vacanza: come proteggere i capelli al mare
Gioca d'anticipo salvaguardando il colore, infila in valigia i prodotti giusti e goditi la libertà di una chioma freestyle
Capelli al mare, come proteggerli in estate
Capelli
CONDIVIDI
8 prodotti per avere capelli belli e sani anche al mare
Scopri quali sono i must di quest'anno che non potranno mancare nel tuo beauty case delle vacanze
Colore capelli: 4 rimedi da dopo estate
Capelli
CONDIVIDI
Capelli: salva il colore dopo l'estate
4 rimedi infallibili e i consigli dell'hairstylist JLD che rimettono in sesto tinta e chioma
Capelli
CONDIVIDI
Bella Hadid pazza per il bob (e noi siamo con lei)
La top model più camaleontica del mondo della moda lo sa bene: basta qualche accorgimento per far sembrare ogni giorno diverso il tuo...
Capelli
CONDIVIDI
5 acconciature per avere i capelli al TOP
Dallo chignon maxi alla coda con treccia, alcune idee semplici ma non banali che ti svoltano il look (e vai tranquilla per tutto il giorno)
taglio capelli più adatto a te
Capelli
CONDIVIDI
Qual è il taglio di capelli più adatto a te?
Te lo svela la scienza con una formula matematica che non ti farà più pentire di averci dato un taglio
Capelli
CONDIVIDI
Capelli al top? Pinterest decreta i nuovi trend
Quali sono le acconciature più cercate?
cosa succede se i capelli non li lavi per una settimana
Capelli
CONDIVIDI
Senza shampoo per 7 giorni: si può?
L'ho provato per un mese lavandoli una volta ogni sette giorni seguendo la filosofia del «no shampoo»: da fare o no?