Taglio capelli: 5 buoni motivi per chiedere il dry cut

Il taglio a capelli asciutti ha tanti pregi e pochi difetti: un esperto hairstylist spiega perché è perfetto per look spettinati, cambi di tinta, capelli mossi, ma non solo...

Il dry cut o taglio capelli asciutti è poco utilizzato dai parrucchieri. Perché?

Lo abbiamo chiesto a Matteo Modola, hairstylist, trainer e affiliato Jean Louid David: «Diciamo che, per tagliare i capelli da asciutti, il parrucchiere deve essere veramente abile perché le chiome asciutte sono più difficili da gestire. I capelli bagnati sono più pettinabili, si separano facilmente ed è quindi più semplice eseguire scalature o pareggiare le lunghezze».

Però il taglio a capelli asciutti ha tanti pregi e pochi difetti, ecco 5 buoni motivi per chiederlo.

Advertisement - Continue Reading Below

1 Quando è consigliato il dry cut?

Quando si deve cambiare il colore o si vogliono fare i contrasti perché, dopo avere effettuato il disegno del taglio, i giochi di colore si posizionano con più precisione se la chioma è asciutta.

Oppure quando si vuole creare un look spettinato, che non è legato ad effetti di styling particolari.


Advertisement - Continue Reading Below

2 È vero che con il dry cut si controlla meglio la lunghezza del taglio?

«Da sempre, chi vuole tenere i capelli lunghi o medio-lunghi, ha paura della spuntatina. Ed è pur vero che i capelli mossi o ricci sembrano più lunghi quando si tagliano da bagnati, perché l'acqua li appesantisce e li tira verso il basso. In questi casi, prima di bagnare i capelli, è buona regola informare il parrucchiere sul tipo di styling che si desidera: naturale, liscio, mosso o riccio. Bisogna anche valutare se la cliente ama cambiare look, ad esempio passare da effetti naturali a pieghe più elaborate. Sta poi al parrucchiere decidere se tagliare i capelli da asciutti o da bagnati».

Advertisement - Continue Reading Below

3 I capelli sottili o fragili come reagiscono al dry cut?

«In generale, qualsiasi tipo di capello tende a essere leggermente più fragile da bagnato perché l'acqua rende le lunghezze più elastiche e l'elasticità crea un effetto molla mentre si pettinano. Risultato: tendono a spezzarsi, soprattutto se sono fragili per natura. Per quel che riguarda il taglio su capelli bagnati o asciutti, però, è irrilevante. L'unico accorgimento che deve avere il parrucchiere è di spazzolare i capelli fragili prima dello shampoo così, se ci sono dei nodi, si possono districare senza danneggiarli». Una buona soluzione per non stressare i capelli sottili è di lavarli ogni tanto con la tecnica del co-wash o con lo shampoo secco.

Advertisement - Continue Reading Below

4 I capelli più adatti al dry cut?

«I capelli ricci e afro sono più predisposti a essere tagliati da asciutti, perché, in questo modo, si possono gestire meglio i volumi: se i ricci sono asciutti, mentre si taglia si può già verificare l'effetto styling. L'obiettivo poi, è disegnare il taglio in funzione della richiesta della cliente (se vuole volume e dove). Di solito, suggeriamo di lavare i capelli il giorno prima e di asciugarli secondo le proprie abitudini, per valutare meglio insieme il risultato che si vuole ottenere».

Advertisement - Continue Reading Below

5 Il taglio a secco riduce i tempi di permanenza dal parrucchiere?

«Su questo bisogna fare chiarezza: dopo il taglio sui capelli bagnati e la messa in piega, di solito si fa una rifinitura finale sui capelli asciutti. Dal punto di vista della cliente, questo doppio taglio può essere interpretato come un doppio lavoro che allunga i tempi. Però, secondo il punto di vista del parrucchiere, per un buon risultato finale questo doppio taglio è essenziale, perché serve a dare una linea armoniosa al taglio. Quindi, il secondo taglio a secco è un valore aggiunto che determina la professionalità e l'abilità del parrucchiere».

More from Gioia!:
Capelli
CONDIVIDI
C'è un metodo attendibile da usare per fare crescere i capelli più velocemente e la luna piena c'entra fino a un certo punto
Tutto quello che è giusto sapere sulla spuntatina (dove/come/quando/perché)
Capelli inverno 2018: 50 tagli medi dalle sfilate
Capelli
CONDIVIDI
Valuta i tagli medi, osa e goditi i capelli che meriti! 50 esempi selezionati apposta per te e il tuo inverno 2018
Soglia la gallery e no, non avrai nessun dubbio
Capelli
CONDIVIDI
Se hai il viso allungato ti conviene valutare questi tagli. Parola di esperto
Parola d'ordine: portabilità. Qualche dritta di stile per trovare la soluzione migliore e scansare tutti i dubbi
Capelli
CONDIVIDI
5 tagli che non ti pentirai mai ma proprio mai di aver provato
Tutte noi abbiamo provato diverse acconciature nella vita e la voglia di cambiare è sempre dietro l'angolo
Capelli
CONDIVIDI
5 tagli corti, medi e scalati pazzeschi per le 30enni
Come portano i capelli le trentenni? Come vogliono, o quasi
Capelli
CONDIVIDI
Vedere Federica Pellegrini con il nuovo taglio e colore di capelli ti farà uno stranissimo effetto
A guardarla bene è a metà tra la sosia sportiva di Linda Tol e la nipote di Helen Mirre. Con amore eh Fede, sempre con amore
Il nuovo colore capelli dell'autunno si chiama cream soda.
Capelli
CONDIVIDI
Cream & Soda
Cream Soda per tutti! Una tinta che sta bene sia alle bionde che alle more. Un sogno che diventa realtà
Capelli argento: le nuove nuance metalliche
Capelli
CONDIVIDI
Capelli: e se mi facessi crystal?
Il trend metal è il must have di stagione: i nuovi servizi in salone (e i colori da copiare) per un hair color super!
Capelli
CONDIVIDI
Sì, il colore di capelli che scegli rivela un lato nascosto della tua personalità
Perché anche la scelta della tinta racconta molto di noi e del nostro carattere
capelli-colore-hairstyle-inverno-2018
Capelli
CONDIVIDI
I colori più cool dell'inverno per i tuoi capelli
Le tonalità (e i tagli) di moda spiegate dagli hair stylist: sfumature dal caramello al nero e schiariture estreme